Summer School con 59 ragazzi turchi a Castellammare di Stabia

Per tre settimane laboratori, visite guidate per insegnare l’italiano a ragazzi provenienti dal liceo italiano Imi di Istanbul

Cinquantanove ragazzi turchi a Castellammare di Stabia per studiare l’italiano. Nello scenario del Vesuvian Institute, sede della Fondazione RAS, fino al 29 luglio si tiene una summer school per studiare la lingua e la cultura italiana. Una full immersion di tre settimane in cui studenti turchi adolescenti, iscritti al liceo italiano IMI di Istanbul, hanno l’occasione di vivere un percorso di apprendimento partecipando attivamente a laboratori e a visite guidate nel bellissimo territorio stabiese e campano.

“I ragazzi in questa scuola estiva imparano divertendosi – dice Livia Frugoni, docente italiana che insegna all’IMI di Istanbul – Con il preside del liceo, il professor Massimo Di Segni, abbiamo pensato di pianificare un campo scuola in cui, però, non volevamo i soliti corsi ma un approccio più ludico e partecipativo per apprendere la lingua e la cultura italiana. Infatti qui i ragazzi partecipano a workshop di gastronomia, di musica, archeologia e di arte in generale. Speriamo che possa essere il primo campo e che negli anni questo diventi un luogo di riferimento per lo studio estivo degli studenti del liceo IMI di Istanbul”.

Tra i laboratori sono stati molto apprezzati quelli sulla pizza napoletana, sulla musica dell’Antica Roma, curato dal gruppo Synaulia, e poi uno sui mosaici antichi in cui hanno riprodotto sia delle piccole mattonelle, che porteranno a casa in ricordo, sia due grandi mosaici, che restano alla Fondazione RAS. Grande interesse e impatto hanno suscitato anche le visite guidate in italiano alla scoperta di Napoli, Capri, Costiera Amalfitana e Sorrentina, Pompei ma anche e soprattutto Castellammare e l’antica Stabia.

I giovani turchi che hanno deciso di frequentare la scuola italiana di Istanbul sono tanti: su 470 studenti infatti solo il 10% è italiano. Per molti giovani e per le loro famiglie, che spesso hanno rapporti di lavoro con l’Italia, questa scuola è una garanzia: conoscere l’Italia vuole dire conoscere una dimensione importante della cultura mondiale. Molti di loro immaginano di vivere fuori dal proprio paese, vorrebbero andare negli stati Uniti, altri proprio in Italia.

Lascia un commento