Napoli-Benevento 6-0. Al San Paolo per 90 minuti ci sono solo gli Azzurri

Si pensava che il Benevento avesse venduto cara la pelle, vista la già delicata situazione in classifica, invece i sanniti hanno fatto vedere davvero poco o niente. Festa del gol al San Paolo, con il Napoli che vince grazie ai gol di Allan, Insigne, Callejon e alla tripletta di Mertens

NAPOLI (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan (dal 28′ s.t. Rog), Jorginho, Hamsik; Callejon (dal 20′ s.t. Ounas), Mertens, Insigne (dal 13′ s.t. Giaccherini). All. Sarri

BENEVENTO (4-4-2): Belec; Venuti, Antei (dal 33′ p.t. Letizia), Lucioni, Di Chiara; Lombardi (dal 32′ s.t. Parigini), Chibsah, Viola, Lazaar; Armenteros (dal 10′ s.t. Cataldi), Coda. All. Baroni

MARCATORI: Allan 3′, Insigne 15′, Mertens 27′, Callejon 32′ p.t., Mertens 20′ e 45 s.t. (entrambi su rigore)

ARBITRO: Irrati di Pistoia

Napoli, 17 settembre – Il Napoli batte 6-0 il Benevento nel derby regionale disputato quest’oggi nel catino di Fuorigrotta. Al San Paolo per 90 minuti è sembrato di vedere in campo una sola squadra: gli azzurri. Poco o nulla da parte del Benevento, che vista la delicata situazione in classifica, ultimo con 0 punti, si pensava avesse venduto cara la pelle. Così non è stato e al San Paolo è andata in scena la festa del gol, messa in mostra da Allan, Insigne, Callejon e Mertens, con quest’ultimo autore di una tripletta (2 gol su rigore, ndr). Vittoria importante per il Napoli, che in questo modo risponde all’Inter e alla Juve, rimanendo al vertice della classifica.

Partita senza storia dicevamo. Al 3’ progressione del brasiliano Allan, che appoggia su Mertens. Il belga va alla conclusione ma sulla respinta di Belec il pallone termina sui piedi dello stesso Allan, che a due passi dalla porta non può sbagliare: Napoli in vantaggio. Al 7’ gran palla di Insigne a tagliare per Callejon, che incredibilmente manca l’appuntamento con il gol, non riuscendo ad inquadrare la porta. Il raddoppio è nell’aria e arriva al 14’, quando Ghoulam crossa per Insigne, che si gira e fulmina Belec sul secondo palo. Il Napoli controlla la partita senza il minimo affanno, dato che il Benevento si riversa poco in attacco e così facendo non riesce a rendersi pericoloso. Al 24’ Napoli vicino al terzo gol con Hamsik su cross di Callejon. Poco dopo, al 26’ palla di Insigne per l’inserimento di Mertens, che tutto solo non deve far altro che appoggiare in rete. Al 31’ altro gol degli azzurri: Cross di Ghoulam per Callejon, con quest’ultimo che fa partire un destro preciso e infila Belec alla sua sinistra. Al 45’ Hamsik tenta nuovamente di iscriversi nel rullino dei marcatori: il suo tiro, calciato da posizione centrale, è poco angolato e Belec riesce a distendersi e mandare palla in angolo.

Il secondo tempo inizia com’era finito il primo: Napoli costantemente in attacco e con il piede sull’acceleratore. Il Benevento prova a giocare in ripartenza ma i difensori azzurri sono molto attenti a non farsi sorprendere. Oltretutto i sanniti giocano a ritmi troppo bassi per pensare di impensierire gli avversari. Gli azzurri sfiorano il gol prima con Callejon e poi con Insigne, ma la quinta rete della gara arriva al 64’ con Mertens che trasforma il rigore fischiato per un fallo di Chibsah su Giaccherini. Nel frattempo Sarri effettua qualche cambio, per far riposare qualcuno dei suoi in vista del turno infrasettimanale con la Lazio. Ounas fa rifiatare Callejon mentre Rog sostituisce Allan. Al 74’ i due giovani azzurri si mettono in mostra: Rog appoggia per Ounas, che va al tiro e viene murato dalla difesa del Benevento. All’88’ altro calcio di rigore per il Napoli e a procurarselo è proprio Ounas. Sul dischetto va Mertens, che non sbaglia mettendo a segno il gol del 6-0. Al San Paolo non c’è più tempo: finisce così una partita da incubo per la formazione sannita.

FOTO: tratta da ansa.it

Lascia un commento