Terra dei Fuochi, Ciarambino (M5s): “Abbiamo votato contro la nostra mozione perché trasformata in atto inutile”

Secondo la capogruppo del Movimento 5 Stelle, Valeria Ciarambino, la lotta ai roghi della Terra dei Fuochi non è prioritaria per il Consiglio regionale

Napoli, 27 settembre – “Con una questione urgente presentata a luglio, ma discussa solo nell’ultimo Consiglio, abbiamo denunciato che il Piano di azioni per la Terra dei Fuochi, adottato dalla Giunta ad ottobre 2016 dopo una nostra mozione e corredato di un preciso cronoprogramma, ad oggi non è ancora operativo”. Lo ha detto Valeria Ciarambino, capogruppo del Movimento 5 Stelle in Consiglio regionale della Campania.

“Abbiamo chiesto a tutti i consiglieri regionali di assumersi la responsabilità di affrontare in ciascuna commissione, per gli aspetti di competenza, le problematiche connesse ai roghi tossici e alla mancata operatività delle azioni previste nel Piano della Giunta, per individuare le carenze e proporre ogni atto necessario”, ha proseguito Ciarambino. “Il Consiglio ha ben pensato di lavarsene le mani, stravolgendo la nostra mozione e privandola dei dettagliati contenuti riguardanti i vari profili di criticità: da quello sanitario a quello dell’emersione del lavoro nero, alle carenze dell’esercizio dei poteri sostituitivi da parte della Regione per la rimozione tempestiva dei rifiuti depositati al suolo prima che qualche criminale gli dia fuoco”. Si è invece deciso “di affidarsi incondizionatamente all’operato della Giunta con un blando e generico monito a rafforzare le azioni già intraprese”, ha spiegato la capogruppo pentastellata.

Secondo Ciarambino la lotta ai roghi della Terra dei Fuochi non è la priorità del parlamentino regionale e “pur di mettere i bastoni tra le ruote al M5s si calpesta il diritto alla vita dei campani”. La capogruppo M5s ha spiegato di “aver votato contro la nostra stessa mozione, trasformata dalla maggioranza in un atto inutile. Noi non ci fermiamo – ha sottolineato –. Abbiamo già inviato ai presidenti delle diverse Commissioni le richieste di convocazione e di indagine su diversi temi legati al disastro della Terra dei Fuochi. E inizieremo a fare sopralluoghi su tutti i territori. Non permetteremo che – ha concluso la capogruppo M5s – un’altra estate arrivi senza che sia attuato tutto quanto dovuto per impedire che i cittadini campani respirino ancora veleni”.

Lascia un commento