De Magistris: “Collaborazione mai così forte con il Governo”

“Stiamo rispettando il cronoprogramma. Sui lavori pubblici si sta andando veramente benissimo”. Così il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, parlando dei lavori previsti dal Patto per Napoli, durante un colloquio con i cronisti a Palazzo San Giacomo

Napoli, 5 ottobre – Da 6 anni a questa parte “mai interlocuzione è stata così forte e fattiva con il Governo”. A dirlo il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, parlando con i cronisti a Palazzo San Giacomo. Il primo cittadino ha parlato di un lavoro importante che si sta facendo con il Governo sul tema della sicurezza. In questo senso “ci saranno novità importanti” per quanto riguarda il quartiere Vasto e la zona di Piazza Garibaldi, “non solo in ottica di ordine pubblico e repressione, ma con azioni coordinate a 360 gradi”.

Il sindaco è soddisfatto anche per l’esito del tavolo avuto a Roma con il ministro della Coesione territoriale e del Mezzogiorno, Claudio De Vincenti, per fare il punto sui lavori previsti dal Patto per Napoli (vai all’articolo). “Stiamo rispettando il cronoprogramma. Sui temi centrali, come le Vele di Scampia, le metropolitane e i lavori pubblici si sta andando veramente benissimo”, ha detto de Magistris. Si tratta di lavori che la città “vedrà iniziare o terminare nelle prossime settimane.” “C’è un’accelerazione importante per l’Università di medicina a Scampia e stiamo lavorando alacremente per i lavori alla caserma Boscariello”.

Particolarmente importante per il primo cittadino è il tema della manovra finanziaria del Governo: de Magistris, infatti, auspica più risorse per i Comuni, specie per quelli in predissesto come il Comune di Napoli (vai all’articolo). Sul debito dei Comuni l’Anci ha fatto delle proposte al Governo, che il sindaco si augura vengano portate dall’esecutivo in Parlamento. “C’è la fase del Parlamento, degli emendamenti. Ma quello che abbiamo chiesto, come Anci, è che sia il Governo a far proprie queste proposte. Poi in sede parlamentare si possono sempre migliorare. Ma è il Governo che deve dare un segnale forte, noi questo segnale lo attendiamo”.

Lascia un commento

16 + tredici =