Pillole di calcio.Tutti i ragionamenti di Goran Pandev.

TESTA. “Io ho scelto Napoli perchè questa è una realtà che ha mille risorse. La Coppa Italia, per esempio, io l’ho vinta quattro volte e ci ha dato una spinta importante. L’esperienza della vittoria crea la mentalità. E noi la mentalità vincente ce l’abbiamo” (Goran Pandev).

NAPOLI. “Credo in questo progetto. Il Napoli mi dà una carica eccezionale e il presidente De Laurentiis mi ha riscattato e ha spento tanti soldi per me. Lui sta facendo un gran lavoro dopo aver portato il Napoli dalla C alla Champions come nessuno è riuscito sinora a fare in Europa. Nel calcio forse non esistono più bandiere, ma io ho deciso di restare qui perchè sento mia questa realtà. E qui voglio lasciare un segno indelebile” (ibidem).

RUOLO. “Farò il trequartista e ispirerò un pò tutto il gioco d’attacco del Napoli. Mazzarri mi ha dato una bella responsabilità: è una bella responsabilità ma io non ho paura di niente. E la fiducia di Mazzarri è tutto” (ibidem).

MAZZARRI. “Il mister Mazzarri è proprio come Mourinho perchè ha perfettamente in mano il gruppo, un grande gruppo: noi giochiamo a memoria e con noi la gente si diverte” (ibidem).

MOURINHO. “Josè mi manda ancora sms e mi dà sempre dei consigli. Lui resta molto legato ai suoi giocatori anche se non li allena più. Per lui ho fatto anche il terzino in Champions League nella finale contro il Bayern, prima a Londra contro il Chelsea e a Milano contro il Barcellona. Me lo dovesse chiedere, lo rifarei anche per Mazzarri” (ibidem).

VITTORIA. “Mourinho ci parlava spesso dell’esperienza della vittoria: ci diceva che quando vinci sei messo nelle condizioni di pensare che sei il numero 1. Lui è speciale per questo. Anche Eto’o diceva che le finali non si giocano ma si vincono. Ed è con questa mentalità che dovremo affrontare la Supercoppa a Pechino contro la Juventus” (ibidem).

MACEDONIA. “Essere considerato un idolo, un eroe in patria è una sensazione bellissima. Ricordo quando sono stato fuori sei mesi alla Lazio, la Macedonia era il mio sfogo e segnavo doppiette a ripetizione” (ibidem).

SCUDETTO. “Lo scudetto si può vincere subito: le favorite sono sempre Juve, Milan e Inter, ma noi possiamo farcela e  se il mister resta con noi nei prossimi anni possiamo conquistare anche la Champions League” (ibidem).

Lascia un commento

tredici − 11 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.