Roma-Napoli 0-1. Vittoria di misura degli Azzurri, che allungano a più 5 su Juve, Inter e Lazio

Decide il gol di Insigne al 20′ del primo tempo, durante una partita combattuta fino al triplice fischio finale. Nella ripresa Napoli salvato in più di un’occasione da Reina

ROMA (4-2-3-1): Alisson; Bruno Peres, Manolas (dal 14′ s.t. Fazio), Juan Jesus, Kolarov; Pellegrini (dal 33′ s.t. Gerson), De Rossi; Florenzi (dal 26′ s.t. Under), Nainggolan, Perotti; Dzeko. All. Di Francesco.

NAPOLI (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Jorginho (dal 28′ s.t. Diawara), Hamsik (dal 26′ s.t. Zielinski); Callejon (dal 37′ s.t. Rog), Mertens, Insigne. All. Sarri.

MARCATORI: Insigne al 20′ pt

ARBITRO: Rocchi di Firenze

Roma, 14 ottobre – Il Napoli batte 1-0 la Roma nell’anticipo serale dell’ottava giornata del campionato di Serie A. Allo stadio Olimpico decide il gol di Insigne al 20′ del primo tempo, in una gara combattuta fino al triplice fischio finale. La Roma è andata più volte vicino al pareggio e nel secondo tempo ha messo in seria difficoltà la banda Sarri, che dal 70′ in poi ha perso la lucidità necessaria per contenere la sfuriata giallorossa. A salvare il Napoli, in più di un’occasione, ci ha pensato Reina, letteralmente costretto agli straordinari quest’oggi. E va detto che la Roma è stata anche sfortunata all’84’, quando Dzeko di testa ha beccato in pieno la traversa. La banda Sarri però, nonostante abbia sofferto troppo nel secondo tempo, ha disputato una buona gara, grazie ai suoi meccanismi di gioco collaudati: gli azzurri giocano praticamente a memoria e quando ci riescono sembrano inarrestabili per chiunque. Grazie a questa vittoria il Napoli allunga in classifica a più 5 punti su Juve, Inter e Lazio.

Sarri manda in campo la formazione tipo, mentre Di Francesco è costretto ad alcune scelte obbligate, visto le assenze in casa giallorossa. Dopo una fase di studio trascorsa senza che nessuna delle due squadre sia riuscita a prevalere sull’altra, al 10′ la Roma conquista il primo angolo della partita. Dalla bandierina i giallorossi provano a sorprendere Reina, che però fa buona guardia, con il gli azzurri che si salvano senza particolare affanni. La Roma attacca a testa bassa, costringendo il Napoli a difendersi nella sua area di gioco: Nainggolan e compagni sono molto aggressivi, sicuramente più dei calciatori azzurri, che non riescono a trovarsi. Infatti, servirebbe più precisione nei passaggi, soprattutto da parte della catena di centrocampo. Al 18′ Hamsik, dopo una serie di scambi sbagliati, si fa perdonare inventando per Mertens, con il belga che va al tiro: conclusione fiacca e parata facile per Alisson. Due minuti dopo il gol del vantaggio viaggia sui piedi di Insigne, che riceve un assist involontario di De Rossi e superata la difesa della Roma non sbaglia l’appuntamento con il gol. Dopo aver segnato la banda Sarri gioca sul velluto, ma torna a rendersi pericolosa solo al 35′, sempre con Hamsik: il colpo di testa dello slovacco viene però bloccato senza problemi da Alisson.

A inizio ripresa episodio da moviola: De Rossi in scivolata, nel tentativo di anticipare Hamsik, tocca il pallone con un braccio. L’episodio viene giudicato involontario dall’arbitro Rocchi. Al 58′ il Napoli va vicino al raddoppio con Hamsik, che però spara troppo centrale, rendendo agevole la presa del pallone da parte di Alisson. Al 70′ la Roma sfiora il pareggio con Fazio, il cui colpo di testa viene smanacciato da Reina sul palo. Sarri effettua alcuni cambi, inserendo Zielinski e Diawara per Hamsik e Jorginho. Nonostante le sostituzioni però, il Napoli continua a soffrire e la Roma va nuovamente vicino al gol, stavolta con Dzeko, che di testa trova solo la traversa. A pochi secondi dalla fine, ultimo brivido della gara, con Ünder che calcia al volo in area e la palla che termina direttamente nelle braccia di Reina. Il Napoli, anche se a fatica, riesce a portare a casa i tre punti e ora è in fuga in testa al campionato.

FOTO: tratta da corriedellosport.it

Lascia un commento

tredici − sette =