Udinese-Napoli 0-1. Gli Azzurri si riprendono il primo posto in classifica

Gara non esaltante del Napoli, che tuttavia conquista i 3 punti grazie a un rigore procurato da Maggio e realizzato da Jorginho

UDINESE (3-5-1-1): Scuffet; Angella (38’ st Bajic), Danilo, Samir; Widmer, Barak, Balic, Fofana (29’ st Jankto), Adnan; De Paul; Perica (15’ st Lasagna). All. Oddo

NAPOLI (4-3-3): Reina; Maggio, Chiriches, Koulibaly, Hysaj; Allan, Jorginho (26’ st Diawara), Hamsik (38’ st Rog); Insigne (33’ st Zielinski), Callejon, Mertens. All. Sarri

MARCATORI: 33’ pt Jorginho (N)

ARBITRO: Di Bello di Brindisi

Udine, 26 novembre – Al Dacia Arena il Napoli batte l’Udinese 1-0 grazie a un gol di Jorginho realizzato su rigore e ritrova la testa della classifica, dopo il provvisorio sorpasso dell’Inter che ieri sera aveva battuto 3-1 il Cagliari. Per il Napoli si tratta di tre punti pesantissimi, anche in vista del big match con la Juve dell’1 dicembre. La banda Sarri quest’oggi non ha mostrato il suo solito gioco spettacolare, un po’ per eccessiva stanchezza dovuta all’impegno di Champions con lo Shakhtar, ma soprattutto per merito dell’Udinese, messa in campo davvero bene dal neo tecnico bianconero Massimo Oddo.

Unica novità nel Napoli l’inserimento di Chiriches al posto di Albiol, a cui Sarri concede un turno di riposo in vista della sfida con la Juventus. Sulla fascia sinistra confermato Maggio al posto dell’infortunato Mario Rui. Avvio di gara senza sussulti, anche perché l’Udinese fa un gran pressing e cerca di chiudere tutte le linee di passaggio al Napoli: pochi gli spazi per gli Azzurri, che restano imbrigliati e non riescono a sviluppare il loro classico gioco. Al 33′ l’episodio che cambia una gara bloccata: Angella atterra in area di rigore Maggio e l’arbitro Di Bello concede il penalty. Alla battuta ci va Jorginho, che prende una strana rincorsa e si fa respingere la palla da Scuffet, ma sulla ribattuta l’italo-brasiliano la mette dentro. Dopo aver subito gol l’Udinese non si scompone e continua ad attuare un pressing asfissiante, rinunciando ad attaccare a testa bassa per non scoprirsi troppo.

Nella ripresa il Napoli sbanda pericolosamente in alcune occasioni, come al 9′ quando viene concesso a Perica di arrivare davanti a Reina: il portiere spagnolo, chiamato in causa, si fa trovare pronto. Al 22′ ancora un altro pericolo per il Napoli, questa volta con un tiro dalla trequarti proveniente dai piedi di Barak: parata in due tempi di Reina. Al 28′ palla gol per il Napoli, che ha l’occasione del raddoppio con Callejon, ma il tiro dell’attaccante spagnolo è troppo centrale per impensierire Scuffet. Al 92′ l’Udinese ha l’occasione per pareggiare la gara con tiro molto insidioso di Barak, ma Reina salva ancora una volta il Napoli. Ora, per la banda Sarri, testa alla sfida con la Juve.

FOTO: tratta da corrieredellosport.it

Lascia un commento

14 − due =