De Magistris: “Napoli è una città che non si piega”

Il sindaco, parlando di Napoli in un post su Facebook, ha spiegato che ci sono “pochi capitali economici ma tanto capitale umano”

Napoli, 4 dicembre – Il Comune di Napoli, come altri Enti locali in difficoltà finanziaria, aspetta dei provvedimenti nella manovra di bilancio per ridurre i blocchi normativi e i vincoli finanziari (vai all’articolo). Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, oggi ha elogiato la città per come sta andando avanti, nonostante i numerosi problemi economici che rendono difficile l’erogazione di servizi ai cittadini. “La nostra Napoli in questi anni ha messo in campo una forza ed una potenza eccezionale. Grazie alla maggioranza dei suoi abitanti. Presepe e Pastori insieme. Ci ho creduto sempre, come oggi credo che supereremo ostacoli e difficoltà. Non ci siamo mai piegati ad una crisi finanziaria ed economica durissima. Oggi Napoli, con tutti i problemi anche gravi sui quali si lavora senza sosta per affrontarli con pochi capitali economici ma tanto capitale umano, rappresenta un punto di riferimento nazionale ed internazionale”, ha scritto de Magistris in un post su Facebook.

Napoli, per il primo cittadino, è una città “che non ha ceduto al compromesso morale. Una Città che non si è messa in vendita e non si è fatta comprare e che difendiamo con orgoglio e fierezza”. “Una città – ha aggiunto il sindaco – amministrata con le mani pulite. Un Comune che non privatizza i servizi e non licenzia, anzi ha assunto”.

“Una Città che – ha proseguito de Magistris – fa dei beni comuni non un esercizio di retorica ma un’opzione strategica per costruire un modello non solo politico ed amministrativo, ma anche sociale, culturale ed economico. Una Città in cui la partecipazione del popolo alla vita politica è un fatto oggettivo ed anche stupendo. Una Città in cui il Popolo ha strappato lo scettro di potere forte ai poteri forti. Una Città che sta facendo della cultura e dell’umanità la sua arma di riscossa e la sua identità plurale. Una Città in cui rimanere a vivere, venire a vivere e ritornare a vivere, ritrovando il gusto della ricerca della felicità, quella autentica, profonda, fondata sui sentimenti” .

“Con questa ricchezza umana – ha concluso il primo cittadino – produrremo sempre più anche ricchezza economica che servirà per il lavoro e per sostenere il nostro popolo e soprattutto coloro i quali ne hanno più bisogno. È una Città che non molla mai”.

Lascia un commento

4 × 4 =