Anziani in città, quest’anno non ci sarà “Estate Serena”.

Numerose sono le città virtuose o sensibili agli anziani che rimangono da soli in città, basta cercare sul portale di ricerca più conosciuto per leggere delle iniziative messe in atto dai comuni per gestire questa parte della popolazione divenuta fragile ed indifesa .

Spesso queste iniziative comunali nascono  in accordo tra il comune e le molteplici attività sociali e di volontariato presenti nella città come Telefoni Argento, Caritas parrocchiali, Circoli anziani, Associazioni di volontariato e singoli cittadini, accomunati dal  desiderio di comunicare vicinanza alla popolazione anziana, di mettere in contatto bisogni e risposte dei territori, di avere confronto e sostegno fra organizzazioni che si occupano dei bisogni degli anziani.

Oltre al reperimento dei volontari indicando un numero telefonico ci sono le indicazioni quartiere per quartiere dei recapiti telefonici cui rivolgersi per possibile chiedere di avere compagnia per qualche ora, essere accompagnati dal medico o a fare la spesa, venire aiutati nelle piccole riparazioni e manutenzioni domestiche, con l’indicazione dei giorni e degli orari dei Centri Servizi Anziani con l’elenco delle attività previste come momenti musicali, ballo, spettacoli, cineforum.

Ma a Napoli? Da considerare che ci sono 172 mila persone anziane (65 anni e oltre), pari al 18 per cento della popolazione, per loro quest’anno è stata proposta  il 4 luglio dal consigliere della IV Municipalità del Comune di Napoli Giovanni Parisi, membro della commissione Politiche Sociali l’istituzione del “Registro municipale delle persone anziane sole” in quanto ha continuato “la politica deve lavorare per trovare gli strumenti migliori per garantire loro un’assistenza efficiente”.

L’istituzione del registro servirà a censire su ogni municipalità il numero delle persone bisognose di aiuto, conclude l’esponente centrista, per poter poi strutturare un servizio di assistenza domiciliare più efficiente perché basato su dati certi e non casuali”.

In attesa del varo del Registro quest’ anno a Napoli l’estate da vivere in città trova nel “Lungomare liberato” il suo spazio privilegiato poi ci sono eventi che si possono trovare in giro per la città come quelli con prezzi bassi ed adatti ad un pubblico adulto come:

  • Arte: dal 1 agosto al 26 settembre visite a ingresso libero a Castel dell’Ovo, che resterà aperto tutti i mercoledì fino a mezzanotte.
  • Artisti di strada: Da giovedì 12 luglio è in scena la kermesse “Artisti al borgo”, per tutti i giovedì fino al 13 settembre, con un cartellone di artisti di
    strada di tutto rispetto, tra i migliori del panorama partenopeo e campano, che si  alterneranno sul suggestivo palcoscenico naturale che si sviluppa dal Pontile del Castel dell’Ovo fino alle stradine e le piazzette interne al Borgo.
  • Gastronomia: dal 5 al 9 settembre, con “Napoli Pizza Village 2012”, possibilità di degustare pizza napoletana cotta in forno a legna e, contemporaneamente, godere del panorama mozzafiato del lungomare di via Caracciolo, dove sarà allestita la più grande e spettacolare pizzeria del mondo.
  • Musica: “Napoli Folk Style” è  il  titolo  del  raduno  musicale  ideato  dal  musicista  Mimmo  Maglionico e dedicato  alle  musiche  popolari  della  Campania,  nell’ambito  degli  eventi  del Lungomare  Caracciolo,  mercoledì  25  e  giovedì  26  luglio  dalle  20.30.

Ma di una iniziativa specifica per gli anziani non v’è traccia, del resto risale al 2011  l’ultima iniziativa a favore degli anziani rimasti in città con “ESTATE SERENA” dove  gli anziani e i disabili di Napoli da inizio da luglio a settembre potevano usufruire di  minicrociere a Capri, gite in città, escursioni su City-Sightseeing , un calendario ricco di attività, che spaziava dalle terme al mare, dalle gite fuori porta alle proiezioni di film al cinema, tutto gratuitamente e patrocinato dal Comune di Napoli.

Restano  i servizi del Comune rivolti all’assistenza sociale visibili sul sito del comune all’indirizzo: >>vai al sito dove sono riportati gli indirizzi ed i numeri di telefono per l’assistenza domiciliare, i servizi socio-ricreativi, telesoccorso.

Lascia un commento

13 + 20 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.