Lipsia-Napoli 0-2. Gli Azzurri sfiorano la rimonta ma sono fuori dall’Europa League

Agli ottavi vanno i tedeschi grazie al 3-1 dell’andata. Al Red Bull Arena a segno Zielinski e Insigne

LIPSIA (4-4-2): Gulacsi; Laijmer, Konaté, Upamecano, Bernardo; Sabitzer, Demme, Kampl, Bruma (29’ st Forsberg); Poulsen (45′ +1 st Ilsanker), Wermer (40′ st Augustin).All. Hasenhuttl

NAPOLI (4-3-3): Reina; Maggio, Albiol, Tonelli, Mario Rui (23’ st Hysaj); Allan, Diawara (37′ st Jorginho), Hamsik (20’ st Callejon); Zielinski, Mertens, Insigne. All. Sarri

MARCATORI: 32’ pt Zielinksi (N), 41′ st Insigne (N)

ARBITRO: Taylor (Inghilterra)

Lipsia, 22 febbraio – Il Napoli batte 2-0 il Lipsia nel ritorno dei sedicesimi di finale di Europa League, ma non passa il turno in virtù della sconfitta per 3-1 nella gara d’andata: per passare erano necessari tre gol. In Germania gli Azzurri si sono resi protagonisti di una bella prova e c’è stata quella reazione d’orgoglio auspicata da Sarri prima del match. Passato in vantaggio al 32′ con un gol di Zielinski, il Napoli avrebbe dovuto aumentare i ritmi nella ripresa per cercare di trovare subito il raddoppio, ma questo non è avvenuto e il Lipsia si è difeso molto bene. Il 2-0 è arrivato solo nel finale, a quattro minuti dal termine dei tempi regolamentari, con un gol di Insigne su assist di Callejon.

A dispetto delle attese Sarri ha scelto una formazione più vicina a quella titolare rispetto all’andata: dentro sia Insigne che Mertens. A Zielinski il il compito di sostituire Callejon, entrato solo nella ripresa (al posto Hamsik). Hasenhüttl ha sostituito Keita con Demme e Orban con Konatè. Buon avvio del Napoli, ma a sfiorare il vantaggio è il Lipsia al 14′ con un destro al volo di Sabitzer, deviato sulla traversa da Tonelli. Il Lipsia per qualche minuto ha in mano le redini del gioco, ma al 32′ subisce il gol del Napoli: Mertens serve in area Insigne che va alla conclusione, sulla respinta di Gulacsi arriva Zielinski che non sbaglia.

La ripresa inizia senza cambi. Il Napoli è chiamato ad alzare i ritmi di gioco per cercare subito di trovare il raddoppio, ma questo non avviene. Gli Azzurri non cambiano passo e il Lipsia non si scompone più di tanto. Sarri manda in campo Callejon al posto di Hamsik e il Napoli crea qualcosa in più. Proprio dai piedi di Callejon nasce l’azione del raddoppio: assist dello spagnolo per Insigne, che sbuca alle spalle di Laimer e manda palla in rete. Nel finale altre due occasioni per gli Azzurri, una con Callejon e l’altra con Tonelli, ma il terzo gol necessario per la qualificazione non arriva.

FOTO: tratta da corrieredellosport.it

Lascia un commento

15 − 12 =