Comune di Napoli: domani presentazione “Consulta degli Immigrati” con de Magistris e Gaeta

​Ancora una volta, Napoli parla la lingua dell’integrazione e dell’inclusione: sarà presentata domani dal Sindaco de Magistris e dall’Assessore Gaeta la “Consulta de​gli Immigrati”, strumento di partecipazione politica per le comunità migranti ospiti o radicate sul territorio napoletano

Napoli, 28 febbraio – L’appuntamento è fissato alle ore 12,00 presso la Sala Giunta del Comune: “Vogliamo dare un segnale in controtendenza – spiega Gaeta-  mentre nel resto del Paese si osserva una pericolosa deriva nazifascista l’Amministrazione Comunale, in continuità con l’idea progettuale della Città accogliente, sceglie di aprire anche le sedi politiche al confronto con gli immigrati, per rafforzarne l’inclusione, l’ascolto e la partecipazione“.“Le cronache degli ultimi mesi – continua l’Assessore – ci stanno consegnando un’Italia pericolosamente alla deriva e attratta dalle sirene razziste o nazifasciste. Ancora una  Napoli si dimostra baluardo di integrazione e ospitalità, città che deve fare da modello per una nuova Europa che guardi al mediterraneo e al Paese globale.”

“Anzi – continua Gaeta – diciamo di più: è anacronistico parlare ancora di ‘noi’ e di ‘loro’. Le comunità immigrate fanno parte della vita cittadina a tutti gli effetti e siamo convinti che solo abbattendo le barriere della diffidenza e favorendo la conoscenza delle istanze di tutti possiamo avviare un percorso di reale integrazione destinata a migliorare la qualità della vita di tutti. Per questo la Consulta degli Immigrati è uno strumento imprescindibile per permettere alle comunità straniere che vivono nella nostra città di partecipare attivamente con le loro idee e le loro proposte alla vita politica e sociale”.
“Insieme – conclude Gaeta – possiamo rendere Napoli una Città sempre più inclusiva e multiculturale, oltre ogni muro e barriera”.

Lascia un commento

diciassette − 15 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.