Alla mostra “L’esercito di terracotta e il Primo Imperatore della Cina”, i bambini cinesi e italiani del Coro Mulan

Venerdì 9 marzo alle 18 nella Basilica dello Spirito Santo

Alla Mostra “L’Esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina”, un momento di integrazione con i piccoli cantanti del coro Mulan che, venerdì 9 marzo dalle ore 18, uniranno le proprie voci in cinese e in napoletano. Il Coro Mulan è un collettivo di voci bianche, di età compresa tra i 6 e i 10 anni, composto da bambini italiani e cinesi di prima/seconda/terza generazione. Dietro l’idea c’è “Ciao Cina”, associazione culturale attiva sul territorio napoletano con l’obiettivo di promuovere lo scambio e l’integrazione tra comunità cinese e italiana.

Il coro, composto da allievi dell’Accademia Musicale Caruso, ha fatto il suo “esordio” in una manifestazione pubblica in Piazza del Gesù, in occasione del Capodanno Cinese 2018. L’obiettivo di queste apparizioni pubbliche è lanciare una campagna di crowdfunding per permettere al coro di partecipare a un importante contest in Cina, previsto per la prossima primavera.

Al termine della performance del coro, al pubblico sarà offerta una degustazione di tè cinese a cura di Tèdiquori di Roberto Riccardi. Ad ospitare l’evento, la grande riproduzione di una delle più importanti scoperte della storia dell’archeologia, i guerrieri dell’Imperatore Qin Shi Huangdi, Ottava Meraviglia del mondo. La mostra “L’esercito di terracotta e il Primo Imperatore della Cina” è stata prorogata fino all’8 aprile per il grande successo riscontrato – oltre 50mila visitatori in tre mesi – ed è visitabile ogni giorno dalle 10 alle 20 (ultimo ingresso ore 19) nella Basilica dello Spirito Santo in via Toledo 402 a Napoli.

In occasione dell’evento, l’ingresso alla mostra sarà in offerta a 10 euro per i partecipanti.

Lascia un commento

diciotto − tre =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.