De Magistris: “C’è chi non smette di lavorare per far tornare in serie B la città di Napoli”

Il sindaco, con un post su Facebook, torna sulla questione del debito da 150 milioni che pende sul Comune di Napoli, definendolo “un meteorite istituzionale”

Napoli, 26 marzo – “Il peso della città è una croce, grande e pesante, che portiamo con fatica, resistenza, forza, dignità, passione ed orgoglio. Per amore di Napoli. Non aver mai mollato, anche con la schiena piegata ma mai spezzata, ha consentito la rinascita di questa città. Stiamo vincendo tanti campionati, turismo, cultura, talenti, imprenditoria giovanile, avamposto nella lotta a mafie e corruzioni, ma c’è chi non smette mai di lavorare, con subdoli e perfidi mezzi politici ed istituzionali, per farci ritornare in serie B, facendoci ripiombare negli anni bui”. Così il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, in un post su Facebook, nel quale torna a parlare della questione del debito da 150 milioni che pende sul Comune di Napoli (vai all’articolo). Il primo cittadino definisce il debito un “meteorite istituzionale” e sostiene che il “sistema sconfitto duramente dal popolo napoletano e dal lavoro della nostra Amministrazione vuol arrestare la potenza di Napoli”.

“Ci attaccano volendo farci pagare per evidenti responsabilità di altri, quelli che hanno distrutto negli anni passati la città ed il suo popolo cercano di tornare come fantasmi. I fantasmi vanno respinti con una lotta fortissima. Stiamo lottando ormai senza più rifornimenti, senza armi, senza viveri. Ovviamente non molleremo mai e Napoli non sarà sconfitta, ma abbiamo bisogno dell’unità popolare e del sostegno dei napoletani”, ha concluso il sindaco.

One thought on “De Magistris: “C’è chi non smette di lavorare per far tornare in serie B la città di Napoli”

  1. Hai il nostro appoggio sindaco, quello che stai facendo è sotto gli occhi di tutti, solo chi non vuol vedere non vede. Ad maiora

Lascia un commento

18 − 8 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.