Turismo: obiettivo 320 nuovi posti di lavoro, nasce il network turistico Campania Costa Castelli

Investimento da 72 milioni di euro, 14 realtà imprenditoriali, cinque province campane interessate

Quattordici realtà imprenditoriali impegnate nel turismo, appartenenti alle cinque province campane, si mettono in rete e danno vita ad un network turistico che si pone l’ambizioso obiettivo di attivare investimenti per oltre 72 milioni di euro puntando a creare 320 nuovi posti di lavoro: è questa la mission di “CCC Campania Costa Castelli”, l’innovativo network turistico campano – per il quale è già stata formalizzata l’intesa con la sottoscrizione di un apposito protocollo – che presenterà a breve un’offerta turistica di qualità, integrata e diversificata, fondata sulle peculiarità dei rispettivi territori di riferimento, con un’attenzione particolare all’innovazione, all’ecoturismo e al turismo esperienziale, culturale ed enogastronomico.

L’iniziativa, curata per la parte economico-finanziaria da Armando Sessa e Paolo Calafiore e per la quella tecnica da Aniceto Trabucco, mette insieme alcune delle più prestigiose realtà imprenditoriali del settore: dal Grand Hotel Parker’s di Napoli al Castello di Limatola, dal Plana Resort di Castel Volturno  a Villa Orsini di Mirabella Eclano, per citarne alcune, ed è finalizzata alla creazione di una filiera completa dei servizi turistici, alla destagionalizzazione del flusso turistico regionale ed al recupero in chiave turistica di alcune realtà del patrimonio architettonico ed ambientale  campano che versano oggi in uno stato di degrado, di abbandono o di sottoutilizzo, mediante  l’introduzione di nuovi concept alberghieri quali i Wellness Hotel , l’albergo diffuso, l’Eco Hotel e gli hotel di charme.

La riconoscibilità del network è stata affidata ad un logo suggestivo ed evocativo che mette insieme i tasselli principali dell’offerta turistica che si intende veicolare rappresentata proprio dalla costa, dal verde della natura, dal patrimonio storico e da quello culturale ed architettonico, a conferma di un territorio, quello campano, naturalmente vocato al turismo. Domina il colore verde a sottolineare la volontà di promuovere un turismo per l’appunto ecosostenibile, rispettoso dell’ambiente, della natura e della storia e della memoria dei luoghi.

Lascia un commento

18 + 6 =