Juve-Napoli 0-1. Gli Azzurri si portano a -1 in classifica, ora lo scudetto è più vicino

Il Napoli vince all’Allianz Stadium grazie a un gol di Koulibaly

JUVENTUS (4-3-3): Buffon; Howedes, Benatia, Chiellini (dall’11’ p.t. Lichtsteiner), Asamoah; Khedira, Pjanic, Matuidi; D. Costa (dal 26′ s.t. Mandzukic), Higuain, Dybala (dal 1′ s.t. Cuadrado). All. Allegri.

NAPOLI (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Mario Rui; Allan (dal 35′ s.t. Rog), Jorginho, Hamsik (dal 22′ s.t. Zielinski); Callejon, Mertens (dal 16′ s.t. Milik), Insigne. All. Sarri.

MARCATORE: Koulibaly al 45′ s.t.

ARBITRO: Rocchi di Firenze.

Torino, 22 aprile – Il Napoli batte 1-0 la Juventus all’Allianz Stadium di Torino grazie a un gol di Koulibaly al 90’ e si porta a -1 in classifica a quattro giornate dal termine del campionato. Quando tutti si aspettavano il pari è arrivato lo stacco di testa di Kalidou su calcio d’angolo a rovinare i piani alla banda Allegri, che ora deve guardarsi le spalle e inizia ad aver paura del fiato sul collo degli Azzurri. La Juve, nonostante il punto di vantaggio, dovrà sudarsi lo scudetto battendo l’Inter al San Siro e la Roma all’Olimpico. Mica poca roba, Napoli può sognare.

Gara equilibrata fin dai primi minuti e primo tempo con poche emozioni. La Juve perde Chiellini per infortunio dopo appena 11 minuti di gioco. Per vedere un’azione degna di nota bisogna aspettare il 17’, quando Pjanic su punizione grazie a una deviazione della barriera, scheggia il legno: Reina non avrebbe mai potuto arrivarci. Al 24’ occasione per il Napoli con Hamsik, il suo tiro termina di poco a lato. Nel complesso meglio la banda Sarri, perché la Juve ha un atteggiamento estremamente prudente e passivo.

Anche nel secondo tempo è il Napoli a fare il gioco. A inizio ripresa Allegri toglie Dybala per Cuadrado, mentre Sarri tra il 60’ e il 70’ fa entrare Milik al posto di Mertens e Zielinski al posto di Hamsik. La Juve si limita a difendere e ripartire, ma Buffon è chiamato in causa più volte rispetto a Reina. L’estremo difensore bianconero è prima costretto a intervenire su un tiro centrale di Insigne, poi su un gran destro al volo di Callejon, dopodiché su una conclusione al limite di Zielinski e infine su un tiro-cross di Insigne. Al 90’, quando i tifosi della Juve già festeggiavano per il pari, che di fatto sarebbe quasi significato ipotecare lo scudetto, su calcio d’angolo di Callejon si presenta Koulibaly come un treno e infila Buffon con un tiro di testa imparabile per chiunque. Vittoria degli Azzurri tutto sommato meritata, ora lo Scudetto potrebbe scendere al Sud in direzione Napoli.

FOTO: tratta da corrieredellosport.it

Lascia un commento

14 + uno =

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.