Orfeo ed Euridice al Museo del Sottosuolo di Napoli 

Sabato 5 maggio debutta in serale una produzione Tappeto Volante con la regia di Domenico M. Corrado

Sabato 5 maggio, alle 19.30, “Orfeo ed Euridice”, nuova produzione Tappeto Volante, debutta in serale all’interno del Museo del Sottosuolo di Napoli, in piazza Cavour 140. La favola di Orfeo ed Euridice è la più emozionante storia d’amore mai uscita dalla fantasia e dalla scrittura dei più grandi autori di ogni tempo. Al Museo del Sottosuolo di Napoli arriva in una forma itinerante dove lo spettatore diviene, per effetto della magia del luogo che ospita la pièce, un novello Orfeo che attraversa l’Ade alla ricerca del suo unico vero grande amore.

Non solo uno ‘spettacolo’, ma uno strumento turistico, didattico e culturale capace di ammaliare il visitatore o il semplice spettatore con una formula ormai consolidata dal regista Domenico M. Corrado.

La formula coniuga l’aspetto mitologico della vicenda con la suggestione del luogo, che fonde sapientemente la musica ed il bel canto ad una lingua moderna e comprensibile, amalgama particolarissimi effetti luce a proiezioni video e multimediali, trasferendo allo spettatore emozioni uniche ed assolute. Il tutto viene recitato, cantato, ballato e mimato dagli attori che da circa cinque anni seguono il regista in queste incursioni nelle letteratura classica. Tra questi Pina Giarmanè, Enzo Varone, Ciro Zangaro, Salvatore Mazza, Floriana De Martino, Mariangela Vessicchio, Giovanni Allocca, Jury Monaco, Giovanni Granatina, Emanuele Esentato

L’intero spettacolo, della durata di un’ora e mezza, viene realizzato nelle tre cisterne del Museo del Sottosuolo di Napoli, 21 metri sotto terra. Il dio Apollo accoglie gli spettatori e li introduce alle tristi e romantiche vicende del suo figlio prediletto: Orfeo, e con esso si incontrano i vari personaggi del mito.

Info e prenotazioni 0818631581 – 3391888611 – Whatsapp

Lascia un commento

20 + tre =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.