Napoli-Torino 2-2. Ora per lo scudetto è davvero finita

Al San Paolo il Napoli si fa riprendere due volte. Al vantaggio di Mertens risponde Baselli a inizio ripresa, poi dopo il 2-1 di Hamsik, per i granata firma il pareggio De Silvestri

NAPOLI (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Chiriches, Mario Rui; Allan, Jorginho, Zielinski (dal. 24′ s.t. Hamsik); Callejon, Mertens (dal 18′ s.t. Milik), Insigne (dal 43′ s.t. Ounas) All. Sarri

TORINO (3-5-2): Sirigu; Nkoulou, Burdisso, Bonifazi; De Silvestri, Acquah, Rincon (dal 42′ s.t. Valdifiori), Baselli (dal 33′ s.t. Iago Falque), Ansaldi; Ljajic, Niang (dal 18′ s.t. Belotti) All. Mazzarri

MARCATORI: Mertens 25′ p.t., Baselli (T) 10′, Hamsik 26′, De Silvestri (T) s.t.

Napoli, 6 maggio – Al San Paolo il Napoli pareggia 2-2 col Torino dell’ex Walter Mazzarri e dice addio al sogno scudetto, visti i 6 punti di distanza che ora separano gli Azzurri dalla capolista Juventus, con i bianconeri che sono in vantaggio anche per la differenza reti, nel caso il campionato dovesse finire a pari punti. Buona presenza di pubblico nell’impianto di Fuorigrotta, i tifosi del Napoli non hanno voluto far mancare il supporto alla squadra, che sta attraversando indubbiamente un momento difficile. Applausi per l’ex Mazzarri e per Sarri, critiche a De Laurentiis e ai vertici del calcio italiano. Eloquente lo striscione riferito ad alcune vicende delle ultime settimane: “Stagione 2018-2019 a parametro zero, sono gli arbitri l’affare vero”. Uniche note positive della gara sono il ritorno al gol di Dries Mertens nel giorno del 31esimo compleanno, dopo un digiuno durato 745 minuti, e il gol numero 100 in Serie A del capitano Marek Hamsik.

Come previsto niente sorprese da parte di Sarri, che ha mandato in campo la formazione titolare ad eccezione di Hamsik, sostituito da Zielinski. Koulibaly, squalificato, è stato sostituito da Chiriches. Mazzarri, invece, ha scelto di iniziare la gara senza Iago Falque e Belotti, sostituiti da Niang e Ljajic. Partita non spettacolare, con il Napoli che attacca a fiammate. Prima vera occasione della gara al 17’ con Insigne servito alla perfezione da Mertens: il suo tiro viene parato da Sirigu. Al 25’ l’episodio che sblocca la partita: Bonifazi serve Burdisso, che tarda a rilanciare e si fa rubare palla da Mertens, per il quale diventa un gioco da ragazzi portare il Napoli in vantaggio. Al 39’ Napoli vicino al raddoppio con Callejon, ma questa volta Sirigu para.

Il secondo tempo inizia con lo stesso copione del primo. Al primo tiro nello specchio della porta avversaria, però, il Torino trova il pari con Baselli su assist di Ljajic. Al 63’ Sarri manda in campo Milik al posto di Mertens, mentre Mazzarri risponde con Belotti al posto di Niang. Il Napoli con l’ingresso dell’attaccante polacco prova a scuotersi: proprio dai piedi di Milik, al 70’, nasce il possibile 2-1 del Napoli, gol negato dal palo. Un minuto dopo però il Napoli trova il raddoppio con il neo entrato Hamsik: assist di Callejon e gran destro del capitano dove Sirigu non può arrivare. Ci si aspetterebbe che il Napoli la chiuda, ma così non è. All’83’ la difesa azzurra si perde De Silvestri, che di testa batte Reina e firma il 2-2. La banda Sarri esce dal campo tra gli applausi, nonostante il finale di campionato inaspettatamente deludente.

FOTO: tratta da corrieredellosport.it

Lascia un commento

quattro + 10 =

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.