Mix di alcol e droga, tredicenne esce dal coma: “sembrava morto”

La madre: “Non è possibile che i ragazzi si facciano così del male. Mi sento anche io responsabile”

Napoli, 28 maggio – E’ fuori pericolo il 13enne di San Sebastiano al Vesuvio (Napoli) ricoverato ieri all’ospedale Santobono di Napoli dove era giunto in codice rosso per aver assunto sostanze alcoliche e droga.

Risultato positivo al test di assunzione dei cannabinoidi, il ragazzino già nella serata di ieri è riuscito a scambiare alcune parole con i suoi familiari e i sanitari.

Il sindaco di San Sebastiano al Vesuvio, Salvatore Sannino, ha avuto un colloquio telefonico con la madre del minore: “C’è un’indagine dei Carabinieri e noi aspettiamo l’evolversi della vicenda, dall’altro lato posso dire – spiega, interpellato dall’ANSA – che la Polizia Municipale qui sul nostro territorio già svolge controlli nelle strutture recettive volte a contrastare la vendita di alcool ai minori”. La madre del tredicenne, intervistata dal Mattino, sottolinea: “Mio figlio sembrava morto, ho creduto di averlo perso per sempre. Non è possibile che i ragazzi si facciano così del male. Mi sento anche io responsabile”.

Lascia un commento

17 + venti =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.