Elezioni amministrative 2018, in Campania come a livello nazionale bene il centrodestra

Risultati deludenti per il Movimento 5 Stelle, non sorride neanche il Pd. Affluenza dei votanti in calo rispetto alle precedenti amministrative, soprattutto in provincia di Napoli

Napoli, 11 giugno – Le elezioni amministrative 2018 confermano il trend positivo del centrodestra a livello nazionale come in Campania, dove si è votato in 93 Comuni delle province di Napoli, Salerno, Caserta, Avellino e Benevento. Risultati deludenti per il M5s, nonostante vada al ballottaggio ad Avellino, dove la sfida sarà con il Partito Democratico a sostegno di Nello Pizza. Pd che non può certo sorridere, vista la sconfitta di Afragola, dove si è affermato al primo turno il candidato del centrodestra Claudio Grillo, e il mancato ballottaggio a Castellammare di Stabia, dove il Pd è fuori con un distacco di soli 200 voti. Qui il sindaco uscente era proprio del Pd, ma fu sfiduciato dopo appena quattro mesi. In Campania cala l’affluenza dei votanti: al voto il 66,16 per cento degli aventi diritto, rispetto al 72,53 per cento del precedente turno amministrativo. Affluenza in calo soprattutto in provincia di Napoli, dove si sono recati alle urne il 64,65% degli aventi diritto.

Come detto Afragola va al centrodestra, dove si è affermato Grillo con oltre il 54% dei voti, sostenuto da Forza Italia, Lega Nord, Fratelli d’Italia e sette liste civiche. Il sindaco uscente, Domenico Tuccillo, appoggiato dal Pd e sette liste civiche, si è fermato al 37%. Terzo il candidato M5s Michele Bencivenga, con il 7,98% dei voti. A Castellammare di Stabia sarà ballottaggio tra centrodestra e civiche di sinistra, fuori il Pd con Massimo De Angelis per appena 200 voti. Ad essere in vantaggio è il candidato del centrodestra Gaetano Cimmino con il 32,5 per cento dei voti. Cimmino andrà al ballottaggio con Andrea Di Martino, quest’ultimo a capo di 8 liste civiche. Francesco Nappi del Movimento 5 Stelle si è attestato intorno al 16%, bene Tonino Scala che ha ottenuto il 9% dei consensi con Liberi e Uguali. A Torre del Greco vanno al ballottaggio il candidato del centrosinistra Giovanni Palomba (35,19%) e il candidato del centrodestra Luigi Mele (15,34%). Fuori dai giochi il M5s, Luigi Sanguigno si è fermato al 14,40%.

A Quarto sarà ballottaggio tra Antonio Sabino, che ha ottenuto il 47,6% con una civica di centrosinistra, doppiando lo sfidante Davide Secone, fermo al 20,2%. Male l’ex sindaca Rosa Capuozzo, che alle precedenti amministrative fu eletta con il Movimento 5 Stelle e poi venne espulsa a seguito di contrasti con la dirigenza nazionale. A Qualiano la sfida sarà tra Raffaele De Leonardo del centrodestra (47,23% dei voti) e Ludovico De Luca, sindaco uscente del centrosinistra (41,88% dei voti). Ballottaggio anche a Cercola, dove il 24 giugno si sfideranno il sindaco uscente Vincenzo Fiengo (49,26%), sostenuto da diverse liste civiche alcune delle quali di centrosinistra, e Giorgio Esposito del centrodestra (24%). A Volla la sfida sarà tra Pasquale Di Marzo e Andrea Viscovo mentre a Brusciano tra Giuseppe Montanile e Carminantonio Esposito. A San Giuseppe Vesuviano ballottaggio tra Vincenzo Catalano e Antonio Ambrosio. A Forio d’Ischia in corsa per la fascia di sindaco Francesco Del Deo e Stanislao Verde.

Eletti al primo turno i sindaci di Boscoreale, Ottaviano, Casandrino, Cicciano, Cimitile, Scisciano, Sant’Agnello, Palma Campania. Sono in ordine: Antonio Diplomatico, Luca Capasso, Salvatore Volpe, Giovanni Corrado, Nunzio Provvisiero, Edoardo Serpico, Pergiorgio Sacristani, Nello Donnarumma. A Pollena Trocchia e San Vitaliano erano già stati eletti ieri gli unici candidati sindaco, visto che l’affluenza ha superato il 50% in entrambi i Comuni: sono rispettivamente Carlo Esposito e Pasquale Raimo.

Lascia un commento

15 − 11 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.