A Napoli si inaugura “Mediterraneo: fotografie tra terre e mare”

Inaugura giovedì 14 giugno alle ore 18,30 a Napoli, alla Basilica di San Giovanni Maggiore, piazza San Giovanni Maggiore a Pignatelli, la rassegna annuale “Mediterraneo: fotografie tra terre e mare”

L’edizione 2018 prova a delineare elementi che rappresentano l’essere cittadini del terzo millennio nelle relazioni con il territorio e con le persone. Come per le precedenti edizioni anche quest’anno si riconferma l’interesse verso la fotografia al femminile, l’attenzione verso la giovane fotografia e lo sguardo attento alla contemporaneità. In questo modo, grazie ad una giuria composita, sono stati selezionati otto autori tra cui Valeria Ferraro, Laura Pezzenati, Eros Mauroner, Mara Scampoli e Mattia Alunni Cardinali, per la sezione attualità, Katty Nucera e Francesca De Caro, per la sezione donne Julia Carbonaro e Federica Lamagra, per la sezione giovani.

Cinque invece gli autori del circuito off scelti dalla direzione artistica della rassegna, Lorenzo Pesce, Giulio Cirri, Alessandra De Cristofaro, Roberta Barzaghi e Iole Capasso, i cui lavori saranno esposti nello stesso contesto.

“Mediterraneo: fotografie tra terre e mare” è la rassegna organizzata da “Lo Cunto” Associazione di Promozione Sociale che si occupa dal 2012 della complessità del Mediterraneo e racconta questo mare attraverso la fotografia mettendo in mostra e facendo interagire le relazioni esistenti tra attualità, cultura e società. Il Mediterraneo è territorio ideale da raccontare perché sempre nuovo e molteplice. La rassegna “Mediterraneo: fotografie tra terre e mare” considera la fotografia come comunicatore, un interlocutore che invita a vedere nuovi punti di vista, altre culture.

L’appuntamento annuale infatti intercetta differenti generi della fotografia ed è interessato al dialogo tra generazioni di fotografi, tanto quanto allo sviluppo della conoscenza e delle riflessioni intorno alle arti e alle culture. A questo proposito da qualche anno la rassegna realizza, e punta su, percorsi laboratoriali a sostegno della giovane fotografia per dare impulso all’espressione artistica. Saranno dunque in mostra, sempre all’interno della Basilica di San Giovanni Maggiore, “Sguardi dal Mediterraneo degli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Napoli”, percorso realizzato in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Napoli e con il docente di fotografia Fabio Donato. L’esposizione risultante dai lavori di Vincenzo Borrelli, Marta Cannavacciuolo, Francesco Ferone, Giovanni Linguiti, Diletta Allegra Mazza, Serena Napoletano, Carla Petrone, si snoda in un percorso che indaga l’universo personale o sociale, sofferente o critico, di giovani che utilizzano il mezzo fotografico come espressione creativa.

Nell’ambito dell’appuntamento a Napoli, alla Basilica di San Giovanni Maggiore, sempre giovedì 14 giugno, ma alle ore 14, si svolgerà l’incontro con il fotografo Lorenzo Pesce che anticipa l’inaugurazione dell’esposizione. L’autore, che fa parte dell’agenzia fotografica Contrasto, presenterà il suo stile “anglosassone” di realizzare le immagini dei lavori. A conclusione dell’incontro, Lorenzo Pesce leggerà i portfolio di quanti si prenoteranno scrivendo a: info@mediterraneofotografia.eu

Per l’edizione 2018 la rassegna ha i Patrocini della Commissione Europea, della Regione Campania, dell’Ordine Nazionale dei Giornalisti e il partenariato dell’Accademia di Belle Arti di Napoli, della Biblioteca Nazionale di Napoli. L’evento è realizzato in partenariato con la Fibart, Fondazione Ingegneri Beni culturali Arte e Tecnologia, che ha in comodato d’uso la Basilica di San Giovanni Maggiore.

Lascia un commento

cinque × 3 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.