Tim: accordo trovato per i 30mila lavoratori

Contratto di solidarietà difensiva per circa 30.000 lavoratori su tutto il territorio nazionale

Le  categoria sindacali delle telecomunicazioni hanno chiuso un accordo importante. L’intesa cui si è arrivati prevede l’applicazione del contratto di solidarietà difensiva per circa 30.000 lavoratori su tutto il territorio nazionale, scongiurando così la cassa integrazione. Questo ha dichiarato il Segretario della UilCom Campania Massimo Taglialatela. In tal modo modo nell’accordo, continua il Segretario regionale della Uilcom Campania, gli esuberi strutturali possono non essere più presenti alla fine del triennio.

“Inoltre abbiamo stabilito con l’azienda – Prosegue Taglialatela – una serie di passaggi che si svilupperanno nei prossimi mesi e riporteranno in Tim il secondo livello di contrattazione che era stato già superato unilateralmente dalla azienda e sostituito con un regolamento aziendale”.

“L’azienda si è impegnerà inoltre a gestire i 4500 esuberi in modo non traumatico attraverso anticipi prepensionamenti, continua il Segretario della UilCom Campania. Siamo comunque soddisfatti di questo accordo , conclude il Segretario della UilCom;  la nostra parte come sindacato l’abbiamo fatta; ora spetta anche al governo di fare la sua, non solo per la Tim, ma per tutto il settore delle telecomunicazioni, compreso il riordino del settore stesso, rivedendo anche gli appalti. Si parlerà anche di altre questioni che si sono presentate in questi anni continua il Segretario. In questo abbiamo visto impegnato al tavolo  dei lavori anche il Ministro Di Maio”, conclude il Segretario di categoria.

Lascia un commento

quattro × due =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.