Chiuso reparto dell’Ospedale del Mare per “consentire a medici e infermieri di partecipare alla festa del neo primario”

Borrelli: “Come si fa ad avere fiducia in un’intera equipe medica che decide di chiudere un reparto di un ospedale pubblico per andare ad una festa?”

Napoli, 8 luglio – ll reparto di Chirurgia Vascolare del nuovo Ospedale del Mare a Napoli “è stato chiuso con dimissione di tutti i pazienti nella notte tra venerdì e sabato scorsi per consentire a medici e infermieri di partecipare alla festa organizzata in un locale a Pozzuoli dal neo primario per celebrare il nuovo incarico”. Lo denuncia il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, componente della commissione Sanità, affermando di aver ricevuto diverse segnalazioni che attesterebbero la vicenda.

Immediatamente, il consigliere ha contattato”il direttore dell’Asl Napoli 1, Mario Forlenza ed il direttore sanitario dell’Ospedale del Mare Giuseppe Russo per chiedere conferma sull’incredibile vicenda”. Forleza ha quindi disposto la sospensione del primario Francesco Pignatelli, su cui pendono le accuse. Il provvedimento dovrebbe essere formalizzato domani.

Borrelli sostiene che i membri del reparto si fossero organizzati per chiedere ferie e malattie, di modo da poter essere tutti presenti ai festeggiamenti per il nuovo incarico di Pignatelli.

Il consigliere dei Verdi chiede, qualora l’episodio venisse confermato, sanzioni e punizioni per i medici e gli infermieri coinvolti, a causa “dell’assoluta mancanza di etica professionale”. Borrelli si chiede: “Come si fa ad avere fiducia in un’intera equipe medica che decide di chiudere un reparto di un ospedale pubblico per andare ad una festa? Non è pensabile continuare ad avere questi comportamenti proprio mentre la Regione da tempo sta conducendo una battaglia feroce contro i furbetti del cartellino,gli assenteisti e i truffatori”.

Ora toccherà a Forlenza e Russo, indagare a fondo, per accertare la fondatezza o meno della denuncia del consigliere dei Verdi.

Lascia un commento

tre × uno =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.