Dirigenti scolastici lanciano appello a Di Maio e Bussetti, “noi non riconosciuti”

50 dirigenti scolastici campani non vengono riconosciuti come tali dopo un iter anche giudiziario che dura da anni

Napoli, 24 luglio – “Chiediamo giustizia, il riconoscimento dei nostri diritti e lanciamo un appello al vicepremier Di Maio e al ministro Bussetti affinchè sia fatta luce su una vicenda incredibile per la quale 50 dirigenti scolastici campani non vengono riconosciuti come tali”.

Così le insegnanti Paola Guarino e Valeria Vaccaro denunciano all’ANSA la loro condizione di “dirigenti non riconosciuti” dopo un iter anche giudiziario che dura da anni. “Le tenebre hanno avvolto ormai da circa sette anni un gruppo di docenti – spiegano – i quali hanno partecipato al concorso per dirigente scolastico in Campania nel lontano 2011 superando le prove valutabili ma non ottenendo mai l’inserimento nella graduatoria di merito, tutt’ora in essere. Ciò è stato determinato dal fatto che i 50 sono stati ammessi a sostenere le prove concorsuali a seguito di un provvedimento giurisdizionale, deroga prevista anche dall’attuale bando per dirigente scolastico”. In altre regioni “i candidati sono stati inseriti con riserva e poi assunti”.

Lascia un commento

otto − 2 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.