A Sant’Arpino il barometro segnala burrasca. Il PD locale chiede l’espulsione di due consiglieri della maggioranza di centrodestra iscritti al PD.

A Sant’Arpino l’estate 2012 diviene rovente e la tendenza è burrasca. Non facciamo previsioni meteo, ma per il piccolo Comune della provincia di Caserta il clima politico nelle fila del Partito Democratico ufficiale e non, diviene giorno dopo giorno sempre più incandescente.

Ieri, 4 agosto, in redazione è pervenuta, inviata a noi per conoscenza, la lettera, spedita per raccomandata ai vertici del PD casertano, Dario Abbate, Segretario Provinciale del PD, alla Commissione provinciale di Garanziadel PD, all’Ufficio Adesioni, a Nico Stumpo, Responsabile nazionale dell’organizzazione del PD, ad Enzo Amendola, Segretario regionale del PD per la richiesta di espulsione dal Partito degli iscritti Salvatore Lettera e Domenico Cammisa.

Tanto tuonò che piovve, si potrebbe dire continuando con le metafore meteorologiche. Mittenti della richiesta di espulsione: Elpidio del Prete, Segretario cittadino, D’Errico Giovanni, Savoia Giuseppe, Maisto Elpidio e D’Angelo Adele, tutti facenti parte del Gruppo Consiliare del PD di S.Arpino(CE) nella qualità di consiglieri comunali.

Nella missiva si fa richiesta, motivata con le considerazioni che sono riassumibili nell’intervista concessa a NapoliTime dal Segretario Elpidio del Prete, di  non ratifica del tesseramento di Sant’Arpino nei confronti degli iscritti al Partito Democratico e consiglieri comunali Salvatore Lettera e Domenico Cammisa e di non ratifica dell’anagrafe degli iscritti di Sant’Arpino(CE) per l’anno 2011.

L’accusa è grave. Si chiede il provvedimento di espulsione dal PD dei signori Lettera e Cammisa in quanto operanti in seno al consiglio comunale in un gruppo diverso e con una posizione politica contraria a quello del PD, in spregio all’art. 2 comma 9 dello Statuto del Partito Democratico.

Insomma sebbene siamo nel paese che ha dato le origini alla commedia dell’arte e alle maschere atellane, precursori di quella ben nota in tutto il mondo di  Pulcinella, qui pare che si parli di teatro dell’assurdo, con gli accusati che farebbero in consiglio comunale la parte della maggioranza, cioè  quella di centrodestra e fuori a rivendicare un ruolo da protagonisti nel centrosinistra e nel Pd.

Staremo a vedere quali saranno le decisioni del PD provinciale di Caserta, restando sempre a disposizione degli accusati per una replica a mezzo stampa, naturalmente su NapoliTime.

 

Lascia un commento