Sampdoria-Napoli 3-0. Al Ferraris di Genova arriva la prima sconfitta dell’era Ancelotti

Due gol di Defrel e una splendida rete dell’ex Quagliarella trascinano i blucerchiati alla vittoria

SAMPDORIA (4-3-1-2): Audero; Bereszynski, Tonelli, Andersen, Murru (Sala dal 14′ s.t.); Barreto, Ekdal (Vieira dal 39′ s.t.), Linetty; Saponara (Ramirez dal 37′ p.t.); Quagliarella, Defrel. All. Giampaolo

NAPOLI (4-3-3): Ospina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Mario Rui; Allan, Diawara (Rog dal 26′ s.t.) Zielinski; Verdi (Ounas dal 1′ s.t.) Milik, Insigne (Mertens dal 1′ s.t.). All. Ancelotti.

MARCATORI: Defrel (S) all’11’ e 32′ p.t., Quagliarella (S) al 30′ s.t.

ARBITRO: Massa di Imperia

Allo stadio Luigi Ferraris di Genova la Sampdoria batte 3-0 il Napoli nel posticipo della terza giornata di Serie A. La formazione di Marco Giampaolo conquista i tre punti grazie a una doppietta di Defrel nel primo tempo e a una splendida rete dell’ex Quagliarella al 30′ del secondo tempo. In molti si aspettavano una rimonta del Napoli nella ripresa, come già accaduto con Lazio e Milan. Rimonta che però non c’è stata, anche perché la Sampdoria era talmente messa bene in campo da non lasciare molto spazio agli Azzurri, autori di una prestazione molto al di sotto delle aspettative. Così è maturata la prima sconfitta dell’era Ancelotti, che dovrà sicuramente cercare di cambiare qualcosa nella retroguardia della sua formazione: 6 gol subiti in tre partite sono davvero troppi.

Come ampiamente previsto Ancelotti presenta il Napoli con qualche novità: fuori Hamsik e Callejon, sostituiti rispettivamente da Diawara e Verdi. Ritmi molto alti delle due formazioni a inizio ripresa, gli Azzurri però sono lenti nel far girare palla e in attacco non riescono a impensierire la Samp. Ancelotti rispetto alle prime due uscite stagionali alza la difesa e accentua il pressing alto, ma i gol degli avversari arrivano lo stesso. Come all’11’, quando da calcio d’angolo per gli Azzurri, parte il contropiede della Samp con Saponara che trova Defrel, destro del francese e vantaggio per i blucerchiati. Il Napoli prova a scuotersi ma è ancora la Sampdoria a far vedere le cose migliori. Al 32′ la difesa degli Azzurri è di nuovo bucata: cross di Bereszynski, controllo in area di Quagliarella che allarga a Defrel e tiro di sinistro dell’attaccante francese sfortunatamente deviato da Albiol, con Ospina che non può far proprio nulla per evitare il 2-0.

Nella ripresa Ancelotti fa uscire Insigne e Verdi per Ounas e Mertens. Il Napoli prova a spingere e va vicino al gol prima con l’attaccante belga e poi con Milik. Nonostante gli Azzurri stazionino stabilmente nella metà campo avversaria la rete non arriva, perché la squadra di Giampaolo si copre molto bene e poi cerca il contropiede. Al 75′ il terzo gol della Samp con un tacco di Quagliarella all’interno dell’area di rigore su cross dalla destra di Bereszynski. Il Napoli, a quel punto, non ha neanche più la forza di provarci e alla Samp non resta che controllare il risultato.

FOTO: tratta da corrieredellosport.it

Lascia un commento

15 + 14 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.