Pedofilia in rete, ricattate 26 ragazze

21enne ricattava le sue vittime dopo aver ricevuto filmati e foto hard

Napoli, 13 settembre – Si faceva mandare foto intime di minorenni con le quali aveva avviato una relazione via chat. Poi le ricattava: avrebbe diffuso quanto in suo possesso se non gli avessero consegnato altre immagini o filmati. In qualche caso con la minaccia di inviare filmati riconducibili al terrorismo islamico per suscitare timore nelle minorenni.

Un 21enne, residente a Prignano sulla Secchia (Modena) è stato arrestato dai Carabinieri di Ischia in collaborazione con quelli di Sassuolo. Decisiva la denuncia del padre di una vittima. Sono 26 i casi di pedofilia in rete accertati dai Carabinieri nell’indagine. L’uomo è indagato per i reati di produzione di materiale pedopornografico e divulgazione di materiale pedopornografico. Le 26 ragazze minorenni sono residenti su tutto il territorio nazionale.

Lascia un commento

quattro × 4 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.