Champions League, Stella Rossa Belgrado-Napoli 0-0. Al Marakana gli Azzurri non riescono ad andare oltre il pareggio

Traversa di Insigne nel primo tempo, nella ripresa altra traversa di Mario Rui e grande salvataggio di Rodic su Callejon. Per il Napoli la strada per la qualificazione è già in salita

STELLA ROSSA BELGRADO (4-2-3-1): Borjan; Stojkovic, Degenek, Savic, Rodic; Jovicic (10′ st Jovanovic), Krsticic; Nabouhane, Causic, Marin (dal 41′ st Simic); Boakye (dal 36′ Pavkov). All. Milojević

NAPOLI (4-4-2): Ospina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Mario Rui; Callejon (30′ st Ounas), Allan (15′ st Mertens), Fabian Ruiz, Zielinski (30′ st Hamsik); Milik, Insigne. All. Ancelotti

ARBITRO: MARCINIAK (POLONIA)

Al Marakana di Belgrado la sfida tra Stella Rossa e Napoli, gara del primo turno dei gironi della Champions League 2018-2019, termina 0-0. La formazione di Ancelotti, pur dominando la partita dal punto di vista del possesso, non riesce ad abbattere il muro difensivo eretto dai padroni di casa, che non vanno quasi mai in sofferenza. Eppure qualche buona occasione capita al Napoli, la più ghiotta al 18′ con Insigne, che scheggia la traversa. Un’altra traversa viene presa nel secondo tempo da Mario Rui su punizione. Altra grande occasione al 67′ con Callejon che colpisce palla a botta sicura, ma Rodic salva sulla linea. Gli Azzurri hanno tentato per tutta la gara di portarsi in vantaggio nei confronti di un avversario qualitativamente inferiore, che si è salvato difendendosi bene e che ha avuto anche molta fortuna. Peccato sia arrivato solo un punto, ora la qualificazione per il Napoli è già in salita.

Ancelotti sistema i suoi con il 4-4-2 già sperimentato con la Fiorentina: Callejon e Zielinski sulle fasce di centrocampo e Insigne libero di svariare sul fronte di attacco vicino a Milik. Il capitano Marek Hamsik viene lasciato in panchina, al suo posto c’è Fabian Ruiz che entra subito in partita e dimostra buone qualità. Gli Azzurri attaccano a testa bassa sin dai primi minuti, posizionandosi stabilmente nella metà campo avversaria. Grande occasione del Napoli al 18′ con Insigne, che si vede respinto il suo tentativo dalla traversa. Al 29′ ci prova Zielinski a segnare, ma il portiere Borjan respinge con i piedi. Ospina è chiamato in causa solo nel recupero su un tentativo di Ben Nabouhane. Per tutto il primo tempo la Stella Rossa pensa solo a difendersi, facendosi vedere nella metà campo del Napoli in contropiede.

Nella ripresa il copione della gara non cambia. Il Napoli aggredisce alla ricerca del vantaggio mentre gli avversari dimostrano di avere la forza solo di difendersi. Al 57′ Napoli ancora sfortunato: Mario Rui becca la traversa su punizione. Al 59′ Callejon lancia Zielinski in spazi larghi, ma Borjan para. L’occasione più grande per il Napoli arriva al 67′: cross di Mario Rui per Callejon, che colpisce al limite dell’area a botta sicura ma si vede respingere il tiro sulla linea da Rodic. Gli Azzurri ci provano fino alla fine ma la partita termina a reti inviolate.

“Non sprizzo di certo gioia. È mancato poco, al momento di finalizzare. La sfortuna ci ha messo qualcosa, noi siamo stati però poco incisivi, sbagliando l’ultimo passaggio o la conclusione a rete”, ha affermato Carlo Ancelotti nel post partita. “Abbiamo perso due punti, lo possiamo tranquillamente ammettere – ha aggiunto –. Ma in questo girone, per quanto durissimo, mancano cinque partite e non dobbiamo essere troppo negativi. Giochiamocela e vediamo come andrà”.

FOTO: tratta da corrieredellosport.it

Lascia un commento

19 + sei =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.