Psg-Napoli 2-2, un risultato che agli Azzurri sta stretto

Al Parco dei Principi il Napoli domina per lunghi tratti la gara. La formazione di Ancelotti passa in vantaggio con Insigne ma subisce il pari nel primo quarto d’ora del secondo tempo con un’autorete di Mario Rui. Al 2-1 firmato da Mertens risponde Di Maria nei minuti di recupero

PSG (4-2-3-1): Areola; Meunier, Marquinhos, Kimpembe, Bernat (dal 46’ Kehrer); Verratti (dal 83’ Diaby), Rabiot; Mbappé, Di Maria, Neymar; Cavani (dal 76’ Draxler). All. Tuchel

NAPOLI (4-4-2): Ospina; Maksimovic, Albiol, Koulibaly, Mario Rui; Callejon (dal 87’ Rog), Allan, Hamsik, Fabian; Insigne (dal 53’ Zielinski), Mertens (dal 84’ Milik). All. Ancelotti.

MARCATORI: 29’ Insigne (N), 61’ Aut. Mario Rui (P), 77’ Mertens (N), 93’ Di Maria (P).

ARBITRO: Zwayer (Germania).

Finisce 2-2 la sfida di Champions tra Psg-Napoli. Gli Azzurri passano in vantaggio a metà del primo tempo con Insigne ma subiscono l’1-1 nella ripresa con una sfortunata deviazione di Mario Rui su un cross di Meunier. Mertens firma il 2-1 al 77′ ma nel recupero i francesi trovano di nuovo il gol, quando lo stesso Mario Rui non riesce a murare il tiro a Di Maria: palla a giro dell’argentino sulla quale difficilmente Ospina sarebbe mai potuto arrivare. Alla fine il risultato sta stretto agli Azzurri, che al Parco dei Principi hanno dominato per lunghi tratti la gara. I tre punti non avrebbero garantito la qualificazione agli ottavi ma avrebbero avvicinato l’obiettivo, che resta comunque alla portata anche alla luce di quanto fatto vedere dal Napoli: si deciderà tutto nelle gare di ritorno. Le gerarchie del gruppo C vedono ora il Liverpool al comando con 6 punti, a seguire il Napoli a quota 5 e il Psg a quota 4. Chiude la classifica la Stella Rossa con un solo punto (conquistato proprio tra le mura amiche nella gara col Napoli, ndr).

Il Napoli non parte benissimo, nei primi venti minuti la formazione di Ancelotti sembra troppo timorosa dell’avversario. In realtà, passata la fase di studio durata circa 20 minuti, gli Azzurri iniziano a giocare un gran calcio e mettono sotto l’avversario. Mertens al 24′ sfiora il gol, negato solo dalla traversa. Ci pensa Insigne al 29′ a portare in vantaggio il Napoli con un gran pallonetto su assist di Callejon. Gli ospiti hanno l’occasione di raddoppiare al 36′ sempre con Insigne, che da buona posizione non trova la porta. I padroni di casa si fanno vedere in attacco con Mbappé, ma Ospina è bravo in uscita a chiudergli lo specchio.

Nella ripresa il Psg cambia il suo modo di stare in campo: Tuchel passa alla difesa a tre e alza Meunier sulla linea dei quattro a centrocampo, senza però rinunciare al tridente. Ancelotti, invece, dopo circa 10 minuti di gioco deve rinunciare a Insigne per una botta allo sterno: al suo posto entra in campo Zielinski. Il pari dei francesi arriva al 61′, quando Mario Rui nel tentativo di bloccare un cross da destra di Meunier va in scivolata e spiazza Ospina. La gara resta equilibrata e al 77′ il Napoli trova il raddoppio con Mertens, bravo a far suo un pallone vagante dopo un tiro di Fabian Ruiz. Nei minuti di recupero gran tiro a giro di Di Maria dal limite dell’area: palla a fil di palo sulla quale Ospina difficilmente sarebbe mai potuto arrivare. Il Napoli esce dal campo a testa alta, consapevole di aver fatto un’ottima gara, nonostante i tre punti non siano arrivati.

FOTO: tratta da ansa.it

Lascia un commento

11 + 20 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.