VivoaNapoli al PAN con “testimonianze” sulla città

Protagonisti della vita cittadina provano ad individuare le vie possibili per il rilancio di Napoli

VivoaNapoli in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, nell’ambito del ciclo “La città che cambia”, lancia una nuova iniziativa dedicata a raccogliere “le testimonianze” di alcuni protagonisti della vita cittadina, per provare a individuare le vie possibili per il rilancio di Napoli.

“Camorra e società: una sfida culturale” è il tema del primo confronto che si terrà sabato 24 novembre, ore 10.00 al PAN – Palazzo delle Arti di Napoli (Via dei Mille). Protagonisti sono Giovanni Melillo, Capo della Procura di Napoli, Isaia Sales, Docente di Storia delle Mafie del Suor Orsola Benincasa.

Per iniziare, si affronta uno dei temi più problematici di una città che non solo è costantemente minacciata dalla presenza della criminalità organizzata, ma che è costretta a convivere con una cultura dove atteggiamenti e comportamenti ispirati a uno stile “camorristico” vanno ben oltre i territori e i contesti sociali controllati dai clan. Proprio in questa “cultura” trovano un humus fertile le organizzazioni criminali, che elevano a sistema quel modo di fare e di pensare. Come contrastare questo fenomeno? Come affrontare e vincere la sfida culturale che nasce dalla capacità pervasiva di questa mentalità, capace di distorcere i valori fondanti su cui dovrebbe basarsi una sana convivenza civile?

A tal fine, è stato promosso un dialogo a due voci, che coinvolge due esperti della materia, impegnati da anni nello studio e nel contrasto operativo dei clan:

– Giovanni Melillo, Procuratore Capo Tribunale di Napoli
– Isaia Sales, scrittore

Moderano: Emilia Leonetti, Presidente Vivoanapoli
– Giulio Maggiore, Vice Presidente di Vivoanapoli

Lascia un commento

8 + 17 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.