MCL: disillusione al Sud, fuga di cervelli ma anche di operai

Carlo Costalli, Movimento cristiano lavoratori: “dal Sud del Paese se ne vanno anche quelli che hanno voglia di lavorare e che non aspettano certo il reddito di cittadinanza”

Napoli – “La speranza è un tema importantissimo e il segnale della disillusione dei giovani è legato a una cosa che colpisce molto: se ne vanno ma non solo i cervelli, che è un danno per il Paese, ma se ne vanno anche persone che sono disponibili a tipi di lavori anche tecnici, manuali o industriali“. Lo ha detto il presidente nazionale del Movimento cristiano lavoratori, Carlo Costalli, nella giornata inaugurale della II edizione della Active school jobs promossa dall’Mcl di Napoli insieme con l’Arcidiocesi.

“Questo significa – ha aggiunto – che dal Sud del Paese se ne vanno anche quelli che hanno voglia di lavorare e che non aspettano certo il reddito di cittadinanza. I giovani del Sud non hanno bisogno di pratiche assistenzialiste. Il Sud ha bisogno di opere, infrastrutture, centro di ricerca efficienti”. “Si deve partire – ha sottolineato Michele Cutolo, presidente provinciale di Mcl Napoli – da queste iniziative che sensibilizzano i giovani, disorientati sempre più in una società frastornata”.

Lascia un commento

diciotto + cinque =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.