Zurigo-Napoli 1-3. Gli Azzurri ipotecano la qualificazione agli ottavi di Europa League

Al Letzigrund Stadion di Zurigo gol di Insigne, Callejon e Zielinski. Per gli Svizzeri in gol Kololli da calcio di rigore

ZURIGO (3-4-3): Brecher; Nef, Bangura, Maxso; Untersee, Domgioni (1′ st Marchesano), Kryeziu, Kharabadze; Winter (22′ st Ceesay), Odey (35′ st Khelifi), Kololli. All. Magnin

NAPOLI (4-4-2): Meret; Malcuit, Maksimovic, Koulibaly, Ghoulam (31′ st Luperto); Callejon, Allan (14′ st Diawara), Fabian Ruiz, Zielinski; Insigne (23′ st Ounas), Milik. All. Ancelotti

ARBITRO: Mazic (Serbia).

MARCATORI: 11′ pt Insigne (N), 21′ pt Callejon (N), 32′ st Zielinski (N), 38′ st Kololli (Z, su rig.)

Al Letzigrund Stadion il Napoli batte 3-1 lo Zurigo nella gara di andata dei sedicesimi di finale di Europa League. Un successo netto che permette agli Azzurri di ipotecare la qualificazione agli ottavi. Si può dire infatti che la formazione di Ancelotti sia con un piede e mezzo al prossimo turno della seconda competizione europea per prestigio dopo la Champions League. Tutto facile in terra elvetica per gli Azzurri, che tornano a vincere e segnare fuori casa come non facevano da tempo. Peccato solo per le distrazioni nel finale, in particolare per il tocco di mano di Maksimovic che ha permesso a Kololli di accorciare le distanze su calcio di rigore. Episodio che comunque non pone ombre sulla prestazione del Napoli, perché la vittoria non è mai stata in discussione.

Ancelotti, con gli uomini contati in difesa, sceglie di non effettuare alcun turnover. In difesa vanno Maksimovic e Koulibaly, con ai lati Malcuit e Ghoulam. Il centrocampo è quello ormai consolidato dopo la cessione del capitano Marek Hamsik ed è composto da Fabian Ruiz e Allan al centro con Zielinski e Callejon più esterni. Davanti ci sono Milik e Insigne, mentre Mertens alle prese con un problema all’inguine viene mandato in tribuna. Lo Zurigo viene schierato da Magnin con un 4-1-4-1 nella speranza di contenere il centrocampo del Napoli. Ma il disegno del tecnico degli svizzeri salta dopo appena 12′ minuti, quando l’estremo difensore dello Zurigo si incarta su un rinvio facile e permette a Milik di rubargli palla: l’attaccante polacco serve Insigne, che da due passi non ha problemi a metterla in rete. Passano appena 10 minuti di gioco in cui il Napoli si limita a controllare ed ecco che arriva la seconda rete: cross di Malcuit per Callejon, che tutto solo davanti a Brecher la spinge in rete.

Nel secondo tempo fioccano le occasioni per il Napoli ma Brecher riesce a riscattarsi della figuraccia fatta in occasione del primo gol degli Azzurri, iniziando a parare di tutto. L’estremo difensore svizzero non può nulla sul terzo gol degli Azzurri firmato da Zielinski, che dopo una serie di finte in area per disorientare i difensori avversari, fa partire un destro potente. Sul 3-0 il Napoli si rilassa un po’ troppo e inizia a concedere qualcosina agli avversari. Generoso il rigore concesso a questi ultimi dall’arbitro Mazic per un tocco di mano di Maksimovic, il cui braccio era attaccato al corpo. Sul dischetto va Kololli, che si inventa un un cucchiaio sul quale Meret non può nulla. Nel finale lo Zurigo sfiora anche il 3-2 con una traversa-palo colpita da Kryeziu, sulla respinta Meret si fa trovare pronto su Khelifi.

FOTO: tratta da corrieredellosport.it

Lascia un commento

5 × cinque =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.