Napoli-Salisburgo 3-0. A un passo la qualificazione ai quarti

Nella gara d’andata degli ottavi di finale di Europa League la formazione di Ancelotti a segno con Milik e Fabian Ruiz, mentre il tris è arrivato con l’autorete di Onguéné

NAPOLI (4-4-2): Meret; Hysaj, Maksimovic, Koulibaly, Mario Rui; Callejon, Allan, Fabian Ruiz, Zielinski (21′ st Diawara); Milik (36′ st Ounas), Mertens (27′ st Insigne). All: Ancelotti

SALISBURGO (4-3-1-2): Walke; Lainer, Ramalho, Onguéné, Ulmer; Schlager, Samassekou, Junuzovic (17′ st Mwepu); Wolf; Daka (17′ st Gulbrandsen), Dabbur (31′ st Minamino). All: Rose

MARCATORI: 10′ pt Milik (N), 18′ pt Fabian Ruiz (N), 13′ st aut. Onguenè (N)

ARBITRO: Kulbakov (Bielorussia)

Al San Paolo il Napoli batte 3-0 il Salisburgo nella gara d’andata degli ottavi di finale di Europa League e si avvicina sensibilimente all’obiettivo qualificazione ai quarti di finale. Ci si aspettava una gara in salita, tutt’altro che facile per i padroni di casa e invece così non è stato. Nelle prime frazioni di gioco meglio gli ospiti, poi il Napoli con il passare dei minuti è cresciuto e al 10′ minuto ha sbloccato il risultato con Milik. La formazione di Rose da lì in poi non ha mai dato la sensazione di poter cambiare l’inerzia di una gara che ha visto il Napoli tenere il pallino del gioco fino al triplice fischio. Eppure gli Azzurri, complice qualche sbavatura difensiva, qualcosa lo hanno concesso soprattutto nel finale: occasioni puntualmente non sfruttate dagli avversari. Merito anche del portiere Meret, che ha salvato la porta in almeno due occasioni. La qualificazione appare a un passo, ma al Red Bull Arena dove non ci saranno gli squalificati Maksimovic e Koulibaly (entrambi erano diffidati, ndr) si dovranno evitare distrazioni e il Napoli dovrà cercare di segnare almeno un gol per stare tranquillo, così come auspicato da Ancelotti in conferenza stampa post partita.

Nessuna sorpresa da parte di Ancelotti a inizio gara: in campo la formazione tipo, Insigne a parte. Al suo posto c’è Mertens, più fresco rispetto a Lorenzo. A sinistra invece rientra Mario Rui, dopo l’infortunio muscolare subito qualche settimana fa nella gara di campionato con la Fiorentina. Nelle prime frazioni di gioco meglio il Salisburgo, che impegna Meret prima con Wolf al 5′ minuto e poi con Dabbur al 6′: l’estremo difensore azzurro blocca senza problemi. Con il passare dei minuti però il Napoli diventa padrone del gioco e al 10′ la sblocca con Milik, che dopo aver ricevuto da Mertens dribbla Walke e appoggia il pallone in rete. Per l’attaccante polacco del Napoli è il primo gol in campo europeo di questa stagione. Al 17′ il Salisburgo approfitta di un pasticcio in area di Maksimovic e va in rete con Samassekou, ma l’arbitro annulla per fuorigioco. Un minuto dopo il Napoli trova il raddoppio: cross delizioso di Callejon per Fabian Ruiz, che si coordina e va al tiro di prima intenzione, mettendola dove Walke non può arrivare.

Nella ripresa la musica non cambia, anche se il Salisburgo dopo l’autorete di Onguéné fa vedere qualcosa in più alzando il proprio baricentro e intensificando il pressing sui difensori del Napoli, che in diverse occasioni vanno in affanno. Troppe disattenzioni da parte della retroguardia, con Maksimovic che viene ammonito e come Koulibaly (entrambi erano diffidati, ndr) salterà la gara di ritorno. Nel finale di gara la formazione di Ancelotti stringe i denti per difendere il risultato e ci riesce. Grazie alla vittoria per 3-0 per il Napoli la qualificazione ai quarti è più vicina, ma al Red Bull Arena non sarà una passeggiata.

FOTO: tratta da corrieredellosport.it

Lascia un commento

cinque × cinque =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.