Napoli-Udinese 4-2. Gara di sofferenza per gli Azzurri, che conquistano a fatica i tre punti

Al San Paolo per il Napoli gol di Younes, Callejon, Milik e Mertens. Nei friulani vanno a segno Lasagna e Fofana

NAPOLI (4-4-2): Ospina (43’pt Meret); Malcuit (41’st Hysaj), Maksimovic, Koulibaly, Ghoulam; Callejon, Allan, Zielinski, Younes (11’st Verdi); Mertens, Milik. All: Ancelotti.

UDINESE (3-5-2): Musso; Troost-Ekong; Mandragora, ter Avest (23’st De Maio); Stryger Larsen, Sandro (19’st Ingelsson), Fofana, De Paul, Zeegelar; Pussetto, Lasagna. All: Nicola.

MARCATORI: 17’pt Younes (N), 26’pt Callejon (N), 30’pt Lasagna (U), 36’pt Fofana (U), 12’st Milik (N), 24’st Mertens (N).

ARBITRO: Valeri di Roma

Dopo il successo in campo europeo col Salisburgo, il Napoli torna alla vittoria in campionato rifilando un bel 4-2 all’Udinese, grazie ai gol di Younes, Callejon, Milik e Mertens. Non una partita semplice quella al San Paolo con i friulani, che dopo le reti di Younes e Callejon sono riusciti ad acciuffare il 2-2 negli ultimi minuti del primo tempo con Lasagna. Poi nella ripresa il Napoli ha giocato meglio e prevalso, facendo suoi i tre punti grazie alle reti di Milik e Mertens. Da lì in poi la formazione di Ancelotti ha amministrato il vantaggio, non disdegnando di portarsi in attacco di tanto in tanto. La vittoria è meritata, peccato per i due gol subiti ma c’è da dire che sono arrivati dopo l’infortunio di Ospina, che probabilmente avrebbe dovuto uscire subito dopo lo scontro di gioco con Pussetto. Lo ha fatto invece solo dopo aver subito la seconda rete, quando si è accasciato a terra perdendo i sensi. L’estremo difensore azzurro è stato poi portato all’Ospedale San Paolo, dove è stato sottoposto a tac e tenuto sotto osservazione. I due gol sembravano evitabili e se in campo fosse andato subito Meret probabilmente non sarebbero arrivati, infatti Ospina li ha subiti quasi senza accorgersene a causa del trauma cranico dovuto allo scontro di gioco con l’attaccante dell’Udinese. Lo staff sanitario del Napoli ha fatto però una valutazione diversa e alla fine l’importante è che Ospina stia bene e che il Napoli sia riuscito a conquistare i tre punti.

Scelte un po’ obbligate in avvio per Carlo Ancelotti, viste le numerose assenze. Esordio da titolare per Younes come ala sinistra e primo gol stagionale per il tedesco di origini libanesi, che ha sbloccato la gara al 17′ con un destro preciso all’interno dell’area di rigore, dopo aver ricevuto palla da Mertens. Sempre dai piedi dell’attaccante belga è partito il cross per il 2-0 di Callejon, che pur con un tiro sbilenco è riuscito a mettere palla alle spalle del portiere Musso. L’Udinese a quel punto non si è arreso ed è riuscito ad andare in gol alla mezz’ora con Lasagna lanciato in porta da Fofana. Pochi minuti più tardi altra grande azione di Fofana, che è andato in gol con la collaborazione di Pussetto e Ter Avest. Anche questo gol sembrava parabile, ma Ospina non c’è arrivato. A pochi minuti dal secondo gol subito il portiere del Napoli ha perso conoscenza come conseguenza dello scontro di gioco di inizio partita. L’estremo difensore si è accasciato a terra ed è stato trasportato all’Ospedale San Paolo, distante pochi metri dallo Stadio.

Nella ripresa il Napoli ha trovato nuovamente il vantaggio con un colpo di testa di Milik, bravo a liberarsi della marcatura di Mandragora su azione d’angolo. A quel punto l’Udinese è calata e il Napoli ha fatto poker con Mertens, che si è sbloccato dopo un lungo digiuno (prima rete del 2019 per il belga, ndr). Dopo il 4-2 il Napoli ha amministrato il risultato senza grossi problemi fino al triplice fischio dell’arbitro Valeri.

FOTO: tratta da corrieredellosport.it

Lascia un commento

5 × 5 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.