Crisi aziendali, richiesto tavolo nazionale. De Luca: “no ad altro precariato”

Il governatore: “La Regione è per la linea della stabilizzazione partendo dai lavoratori precari attualmente in Anpal”

Napoli – “La Regione Campania è impegnata concretamente nell’affrontare le vertenze delle aziende in crisi e la grave situazione delle aree di precariato del nostro territorio che si trascinano da decenni. Occorre aprire un tavolo nazionale che dia risposte certe. E’ maturo il tempo per una ‘Vertenza Campania’. Per questo si chiede l’apertura di un tavolo nazionale per affrontare da subito le gravi vertenze in atto”.

Così il governatore della Campania Vincenzo De Luca, il quale – dopo il no della Regione all’intesa con Anpal per i navigator – precisa: “Nell’ambito del tavolo potranno essere affrontate anche le questioni relative ai cosiddetti Navigator. E’ noto a tutti che la Regione dice, da sempre, no alla creazione di nuovo precariato. E rifiuta quanto viene previsto dal vergognoso articolo 3 dell’accordo quadro nazionale, che consente addirittura forme di doppio lavoro per i Navigator. La Regione è per la linea della stabilizzazione partendo dai lavoratori precari attualmente in Anpal”.

Lascia un commento

15 − otto =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.