Napoli-Sampdoria 2-0. Al San Paolo doppietta di Mertens

Ottimo esordio del Napoli tra le mura amiche. La vittoria grazie a un gol per tempo di Mertens

NAPOLI (4-4-2): Meret; Di Lorenzo, Maksimovic, Koulibaly, Mario Rui; Callejon, Elmas (76′ Insigne), Ruiz, Zielinski; Lozano (65′ Llorente), Mertens (80′ Younes). All. Ancelotti

SAMPDORIA (3-4-1-2): Audero; Ferrari, Murillo, Regini (66′ Leris); Bereszynski, Linetty, Ekdal, Murru; Caprari (68′ Gabbiadini); Quagliarella, Rigoni (79′ Depaoli). All. Di Francesco

MARCATORI: 13′ e 69′ Mertens (N).

ARBITRO: Federico La Penna della sezione di Roma

Il Napoli non sbaglia l’esordio davanti al proprio pubblico e grazie a due gol di Mertens (uno per tempo) stende la Sampdoria. Alla terza di campionato, in un San Paolo rinnovato nel look grazie alle Universiadi, comincia a vedersi il nuovo Napoli di Ancelotti, trascinato oltre che dal folletto belga dai nuovi innesti, particolarmente importante infatti è stato il contributo dei nuovi acquisti come Elmas e Llorente (quest’ultimo autore dell’assist del 2-0 di Mertens). Vittoria meritata per gli Azzurri quindi, che grazie ai tre punti si portano a una lunghezza dalla Juve e ora possono concentrarsi sulla gara di Champions con il Liverpool di martedì sera. Ancelotti in quella occasione potrà contare anche su chi non è stato impiegato o è stato impiegato parzialmente con i blucerchiati, vale a dire Manolas, Allan, Insigne e Ghoulam.

Proprio l’imminente impegno europeo condiziona le scelte di Ancelotti che decide di non schierare quelli che fino allo scorso anno erano titolari inamovibili. Il tecnico con l’ultimo mercato però ha a disposizione più scelte, potendo contare su due giocatori per ruolo. Alla fine il risultato dà ragione al tecnico. Anche nella Samp Di Francesco sceglie di cambiare le carte in tavolo, ridisegnando i suoi con un 3-4-1-2 in cui Caprari gioca a supporto di Quagliarella e del nuovo arrivato Rigoni. Meglio la Samp nei primi 13 minuti di gioco, i blucerchiati vanno vicino al gol con Ferrari ma Meret è reattivo nell’intervento. Sull’asse Lozano-Di Lorenzo nasce l’assist per Mertens, l’attaccante belga posizionato al centro dell’area gira in porta la palla con un bel rasoterra. Gli Azzurri si galvanizzano e nel giro di pochi minuti vanno vicini al raddoppio prima con Elmas e poi con Lozano, un po’ ciabattato il tiro di quest’ultimo. Ma l’occasione migliore ce l’ha ancora Mertens sugli sviluppi di un calcio d’angolo, il belga trova la traversa a negargli il raddoppio. Per la Samp ci prova prima Rigoni (Meret gli sbarra la strada) e poi Quagliarella dalla lunga distanza, palla a lato di pochissimo. L’ex Napoli ci riprova ma anche nella seconda conclusione da fuori area non è preciso.

Nel secondo tempo il Napoli torna ad essere padrone del gioco e sfiora il raddoppio con Elmas, la cui conclusione è deviata in angolo da Audero. Il centrocampista macedone domina in mezzo al campo, dimostrando grande personalità. Ancelotti sostituisce Lozano con Llorente. Proprio dai piedi dell’ex Juve al 69′ nasce l’assist per Mertens, conclusione vincente del belga che firma la prima doppietta in questo campionato. Poco più tardi ci prova anche Callejon a iscriversi nel registro dei marcatori, Audero vola e devia in angolo. La Samp è sempre più in crisi, il Napoli invece dopo la bella vittoria può iniziare a pensare alla gara di martedì in Champions con i campioni in carica del Liverpool.

Lascia un commento

due × 1 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.