CGIL-CISL-UIL. Dichiarazione congiunta circa l’eventualità di relegare tutte le attività attinenti la prostituzione in un quartiere “dedicato”.

COMUNICATO STAMPA

Si esprimono R. Cenerelli e T. Potenza (CGIL Napoli), C. Costagliola (CISL Napoli) e A. Letizia (Coordinamento Donne Cisl Napoli), L. del Fico (UIL Napoli) e Isabella Bonfiglio (Coordinamento Donne UIL Napoli):

Napoli ha bisogno di ritrovare la sua dignità e la sua bellezza: va liberata dalla inciviltà e dal degrado.

Napoli è una città bellissima e non la si può paragonare a nessun’altra città del mondo né la si può rendere simile ad altre, va piuttosto valorizzata per i suoi pregi e peculiarità.

Pur nella convinzione che ogni individuo deve avere completa libertà nelle scelte che riguardano la propria persona e che non implica sopraffazione di terzi, é difficile definire la prostituzione una scelta libera e consapevole. Non ci può essere libertà di scelta se non si è liberi dal bisogno! La prostituzione è un oltraggio alla dignità della persona; la si combatte e la si argina ricercando ed eliminando tutti i fattori sociali e personali che la generano e vincolano a scelte non desiderate: fin troppe sono le persone che si prostituiscono per strada perché ridotte in schiavitù assoluta, o costrette da altre cause sociali e personali che la generano.
E’ difficile accettare il concetto di un quartiere o zone a luci rosse – affermano le sindacaliste – dà l’idea di segregazione: e un ghetto per definizione é sicuramente discriminatorio, sarebbe come legalizzare una zona della città a degrado, tra sporcizia e via vai di clienti.
E’ un argomento di tale delicatezza e di coscienza – concludono le sindacaliste – che va affrontato senza pregiudizi o ideologie e che merita un ampio confronto con la cittadinanza e tutte le parti istituzionali e sociali.
FOTO: tratta da ultimaora.net

Lascia un commento

15 − quattordici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.