Fico si schiera a favore di de Magistris: “No alla sfiducia”

Il presidente della Camera si è espresso sulla mozione di sfiducia che i gruppi di opposizione nel Consiglio comunale di Napoli vorrebbero presentare contro il sindaco de Magistris

“Penso che il Consiglio comunale di Napoli debba restare in carica 5 anni, perché bisogna dare il tempo a tutti di lavorare per poi essere giudicati”. A dirlo il presidente della Camera, Roberto Fico, a margine del nono congresso degli iscritti al Partito Radicale in corso alla fondazione Foqus di Napoli. Fico interviene così in maniera netta rispetto alla decisione delle forze di opposizione in Consiglio comunale di presentare una mozione di sfiducia contro il sindaco de Magistris. E lo fa nonostante i due consiglieri comunali pentastellati Matteo Brambilla e Marta Matano abbiano deciso di sostenere la mozione di sfiducia.

“Le persone – ha spiegato Fico – non vogliono elezioni ogni anno ma provvedimenti che risolvano i loro problemi. I consiglieri fanno il loro percorso e le loro valutazioni. Io penso che sia bene dare tempo a tutti di espletare il loro mandato e non provare sempre a promuovere nuove elezioni. È molto importante invece cercare di dare il contributo costruttivo, anche duro, da opposizione per cercare di fare il bene dei cittadini, arrivare alla fine del mandato e vedere se si è fatto il bene della città, poi saranno i cittadini a decidere”.

Nonostante le parole di Fico, tra i rappresentati più autorevoli del Movimento, i consiglieri comunali pentastellati hanno deciso di non cambiare idea sulla sfiducia al sindaco. “Confermo che io e Matteo siamo stati tra i primi firmatari della sfiducia che verrà regolarmente depositata e discussa nei tempi e nei modi consentiti dalla legge e dalla democrazia. E badate bene che la decisione di firmare è conseguente ad una serie di mancanze, di errori, di leggerezze che a nostro avviso sono stati commessi da questa Amministrazione e da noi regolarmente denunciati in innumerevoli esposti alla Corte dei Conti, niente a che vedere con le tristi ed incommentabili notizie apparse circa il comportamento inadeguato di alcuni consiglieri della maggioranza che non c’è”, ha commentato su Facebook la consigliera comunale Matano.

Per il consigliere Brambilla, invece, “le esternazioni del presidente della Camera sono il frutto di una sua personale visione, che peraltro ha modificato nel tempo, dal momento che nel 2017 il Movimento compatto presentò in conferenza stampa le motivazioni che ci spinsero a proporre alle opposizioni una mozione di sfiducia al sindaco, mozione che raccolse 14 firme che non furono sufficienti allora a portarla alla discussione e votazione in aula”.

Cambiare opinione è legittimo – conclude Brambilla –, ma per quanto mi riguarda la situazione è nettamente peggiorata e questo mi spinge a cercare con i mezzi democratici a nostra disposizione a mettere fine a questa agonia, a tutela dell’interesse dei cittadini che viene al primo posto”.

Lascia un commento

1 × 4 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.