Milan-Napoli. Al Meazza sfida tra due squadre in crisi

Squadre in campo alle ore 18. Ancelotti verso la conferma del modulo 4-4-2, ma con una mediana inedita per avere maggiore solidità nella zona centrale del campo

Napoli, 23 novembre – Dopo due settimane di pausa dovuta alle soste per le nazionali torna la Serie A. In gara valida per la tredicesima giornata il Napoli è chiamato ad affrontare il Milan allo stadio Meazza. Una sfida, quella di stasera, che si può tranquillamente definire tra due squadre in crisi, per questo dura per entrambe e dagli esiti molto incerti. La formazione di Ancelotti nelle ultime quattro partite di campionato ha portato a casa solo tre punti, distanziandosi non solo dalle prime due della classe, Juventus e Inter, ma anche dalla zona Champions che al momento è lontana cinque punti. Il campionato del Napoli, tuttavia, non può dirsi ancora compresso, ma lo diventerà se gli Azzurri non torneranno subito a vincere. Se stasera non dovessero arrivare i tre punti il Napoli potrebbe infatti vedersi completamente tagliato fuori dalla qualificazione alla prossima Champions League, con ripercussioni pesanti sul bilancio societario e un probabile ridimensionamento degli obiettivi negli anni a venire. Anche il Milan, va detto, non se la passa per nulla bene: i rossoneri sono reduci da due k.o di fila, in casa con la Lazio e sul campo della Juventus. Chi si aspettava di più dal campionato dei rossoneri è finora rimasto deluso, ma con il recente arrivo di Pioli si sono visti miglioramenti nel gioco ed è probabile che da ora in poi le cose inizino a girare in maniera diversa.

Per quanto riguarda le formazioni Pioli dovrà fare a meno degli squalificati Calhanoglu e Bennacer, oltre che dell’infortunato Caldara. Al centro della difesa Musacchio e Romagnoli, con Theo Hernandez a sinistra e Conti a destra. In mediana Paquetà, Biglia e Krunic. In attacco Suso, Piatek e Bonaventura.

Per quanto riguarda il Napoli si è molto parlato in settimana di un cambio modulo da parte di Ancelotti. Il cambio modulo non dovrebbe esserci ma è probabile che il tecnico decida di cambiare gli interpreti in mediana, così da avere maggiore solidità nella zona centrale del campo. Difesa formata da Manolas e Koulibaly al centro, con Di Lorenzo e Luperto ai lati. In mediana Allan e Zielinski, con Elmas e Fabian Ruiz sulle fasce. In attacco Insigne e Lozano.

MILAN (4-3-3): Donnarumma; Conti, Musacchio, Romagnoli, Theo Hernandez; Paquetà, Biglia, Krunic; Suso, Piatek, Bonaventura. All. Pioli

NAPOLI (4-4-2): Meret; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Luperto; Elmas, Allan, Zielinski, Fabian; Insigne, Lozano. All. Ancelotti

ARBITRO: Orsato della sezione di Schio

Lascia un commento

quattro × tre =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.