Liverpool-Napoli 1-1. Azzurri a un passo dagli ottavi di Champions

All’Anfield il Napoli passa in vantaggio con Mertens e si fa riprendere nel secondo tempo dal Liverpool con Lovren. Agli Azzurri per qualificarsi agli ottavi basta un punto con il Genk nell’ultima gara della fase a gironi

LIVERPOOL (4-3-3): Alisson; Gomez (12′ st Oxlade-Chamberlain), Lovren, Van Dijk, Robertson; Henderson, Fabinho (19′ pt Wijnaldum), Milner (33′ st Alexander-Arnold); Mané, Firmino, Salah. All. Klopp.

NAPOLI (4-4-2): Meret; Maksimovic, Manolas, Koulibaly, Mario Rui; Di Lorenzo, Allan, Zielinski (40′ st Younes), Fabian Ruiz; Mertens (36′ st Elmas), Lozano (27′ st Llorente). All. Ancelotti.

MARCATORI: 21′ pt Mertens (N), 20′ st Lovren (L)

ARBITRO: Del Cerro Grande (Spagna)

All’Anfield il Napoli pareggia 1-1 con il Liverpool nella penultima giornata della fase a gironi di Champions League. Un punto d’oro quello conquistato sul campo dei campioni d’Europa in carica, perché permette alla formazione di Ancelotti di avvicinarsi alla qualificazione agli ottavi: il Napoli (9 punti) passa se fa un punto con il Genk o se il Salisburgo (7 punti), che giocherà l’ultima proprio con il Liverpool, non dovesse vincere. Risultato a parte, quella di Anfield è stata una partita dove finalmente è tornato a vedersi il vero Napoli, come non accadeva da settimane. La formazione di Ancelotti ha messo in campo tante belle cose: sacrificio, voglia di lottare, grande attenzione, etc. Allan è tornato a essere il guerriero davanti alla difesa, Koulibaly un muro difficile da superare. Mertens è riuscito a capitalizzare una delle poche occasioni avute, partendo sul filo del fuorigioco e spiazzando Alisson con un tiro angolato e pertanto imparabile. Soprattutto dopo la rete del belga il Napoli si è dovuto difendere, qualcuno direbbe che ha fatto catenaccio. Viva il catenaccio allora, perché gli Azzurri potevano anche vincere la partita. Peccato per la disattenzione su un calcio d’angolo che al 65′ ha permesso il gol di Lovren. Dopo aver subito la rete dei Reds il Napoli ha continuato a difendersi, giocava pur sempre sul campo dei campioni d’Europa in carica. Per questo il pari è un gran risultato, soprattutto alla luce del periodo non proprio felice che stanno attraversando gli Azzurri. Che sia stata la partita della svolta? Presto per dirlo, ma il presidente De Laurentiis, Ancelotti e i tifosi possono ben sperare.

A sorpresa Ancelotti decide di tenere fuori Callejon spostando Di Lorenzo in avanti (esterno alto). In difesa ai lati ci sono Maksimovic da una parte e Mario Rui dall’altra. In mediana Zielinski e Fabian Ruiz affiancano Allan mentre in attacco nessuna sorpresa rispetto alla previsioni con la conferma di Mertens e Lozano. Ancelotti ha preparato la gara così: reparti molto vicini e chiusura delle linee di passaggio agli avversari. E infatti i Reds hanno un possesso palla al 71% nel primo tempo, ma è fine a se stesso. Un possesso sterile perché il Napoli non lascia spazi, chiude bene e si aiuta anche con il lavoro in copertura degli attaccanti. Al 21′ Di Lorenzo trova Mertens sul filo del fuorigioco, il belga di destro la piazza nell’angolino dove Alisson non può arrivare. Il Liverpool reagisce e in più di un’occasione arriva dalle parti di Meret, bravo però a non farsi sorprendere.

Nel secondo tempo i padroni di casa spingono sull’acceleratore per tentare di acciuffare il pareggio e quindi il Napoli è costretto a serrare le fila. Al 56′ un errore di Meret in uscita spalanca la porta a Firmino, Koulibaly salva sulla linea. Al 65′ il Liverpool pareggia con il colpo di testa di Lovren su calcio d’angolo, errata marcatura di Mertens in quest’occasione anche se il belga protesta per una spinta. Invece è tutto regolare, così come confermato anche dal Var. Nel Liverpool entra Alexander-Arnold per Milner, Ancelotti dà spazio invece a Llorente, Elmas e Younes per Lozano, Mertens e Zielinski. Il Napoli riesce a resistere fino alla fine e strappa al Liverpool un punto importantissimo: con il Genk al San Paolo basterà un pari per qualificarsi agli ottavi.

Lascia un commento

cinque × 1 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.