A Napoli raccolta fondi, “A Natale aggiungi un posto a tavola”

Raccolta fondi per i pranzi di Natale con i poveri, gli anziani soli, le famiglie in difficoltà, i senzatetto amici, durante tutto l’anno, della Comunità di Sant’Egidio

Una tavola imbandita per accogliere a Natale migliaia di persone tra le più povere e sole del nostro Paese e del mondo. È l’evento che si realizza ogni anno, da quando, il 25 dicembre 1982, venne allestito a Roma, nella Basilica di Santa Maria in Trastevere, il primo pranzo con i poveri.

Si trattava, allora, di una ventina di persone, ma ormai nella festa più importante dell’anno, la Comunità di Sant’Egidio offre il calore di un pranzo in famiglia e la gioia di una festa condivisa a migliaia di persone, anziani soli, senza fissa dimora, famiglie in difficoltà, persone fragili.

Basta pensare che nel 2018 si è apparecchiata la tavola per circa 60mila invitati in Italia e per 240 mila nel mondo, tra Europa, Africa, Asia e America.

È per sostenere questo importante appuntamento di solidarietà in Italia e accogliere un numero sempre maggiore di persone, che dal 2 al 25 dicembre 2019 la Comunità di Sant’Egidio lancia la campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi “A Natale aggiungi un posto a tavola”, a cui è possibile contribuire con un sms o chiamata da rete fissa al numero solidale 45586 per donare da 2 a 5 o 10 euro.

Grazie ai fondi raccolti, a partire dal 24 dicembre in tante città italiane potranno avere luogo cene della vigilia itineranti, nel corso delle quali i volontari della Comunità di Sant’Egidio porteranno pasti caldi alle persone senza dimora raggiungendole presso le stazioni e gli abituali luoghi di raduno. I festeggiamenti proseguiranno il 25 dicembre in tanti quartieri e periferie delle principali città italiane. Tra queste c’è anche Napoli, dove il pranzo di Natale con i volontari della Comunità di Sant’Egidio si terrà alle 13 nella Chiesa dei Santi Severino e Sossio (via Bartolomeo Capasso 2).

Lascia un commento

10 − quattro =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.