Sassuolo-Napoli 1-2. Arriva la prima vittoria del Napoli di Gattuso

Il tecnico ex Milan prova a prendersi il Napoli, che dopo un brutto primo tempo nel quale i neroverdi passano in vantaggio con Traorè, sfodera una prestazione di carattere e rimonta con Allan e l’autogol di Obiang (decisivo Elmas nell’azione del gol). Gli Azzurri non vincevano una gara da ottobre, i 3 punti infatti mancavano da ben 8 turni

SASSUOLO (4-2-3-1): Pegolo; Muldur, Marlon (6′ st Romagna), Peluso, Kyriakopoulos; Obiang, Locatelli; Duncan (19′ st Djuricic), Traorè, Boga (38′ st Magnanelli); Caputo. Allenatore: De Zerbi

NAPOLI (4-3-3): Meret; Di Lorenzo, Manolas, Luperto (1′ st Hysaj), Mario Rui; Ruiz (25′ st Elmas), Allan, Zielinski; Callejòn, Milik (32′ st Mertens), Insigne. Allenatore: Gattuso

MARCATORI: 29′ pt Traorè (S), 12′ st Allan (N), 49′ st aut. Obiang

ARBITRO: Chiffi di Padova

Il Napoli torna alla vittoria, 2-1 al Sassuolo nel posticipo della 17esima giornata del campionato di Serie A, ultima partita del 2019 viste le imminenti feste di Natale. È la prima vittoria del Napoli da quando sulla panchina degli Azzurri siede l’ex Milan Gennaro Gattuso. I 3 punti infatti mancavano al Napoli da ottobre, ovvero da ben 8 gare (prima il Napoli aveva raccolto solo qualche pari). Quella col Sassuolo è stata una partita non facile, dominata dai padroni di casa nel primo tempo grazie all’inconsistenza degli Azzurri: oltre al gol di Traorè dell’1-0 diverse le occasioni da gol per i Neroverdi. La formazione di Gattuso si è vista in campo per davvero solo nella ripresa, quando ha sfoderato una prestazione stavolta convincente ed è andata in gol con Allan. Ma la gioia, dopo diverse possibilità di raddoppio sprecate, è arrivata solo nel finale, complice l’autogol di Obiang costretto all’errore da Elmas. Presto per dire se questa possa essere stata la gara della svolta o solo una prova di cuore, per capirlo bisognerà vedere cosa farà il Napoli nelle prossime gare. Certo che affrontare prima l’Inter nel giorno della befana e poi la Lazio non sarà per nulla facile. La vittoria con il Sassuolo serve al morale e non è poco per una squadra che, data da molti come favorita per il titolo, è caduta in una lunga crisi dalla quale è difficile venirne fuori.

L’avvio è tutto del Sassuolo mentre il Napoli è irriconoscibile. Al 24’ i padroni di casa vanno vicino al gol con Kyriakopoulos, che si affaccia dal limite dell’area e fa partire un tiro cross fuori di pochissimo. Appena cinque minuti e il Sassuolo è in vantaggio: cross di Locatelli sul secondo palo intercettato da Traorè, lasciato tutto solo da Mario Rui. Il giovane centrocampista ivoriano riesce a far passare il pallone sotto le gambe di Meret ed è 1-0 per il Sassuolo. In seguito il Sassuolo ha diverse occasioni per raddoppiare, ma non riesce a sfruttarle.

Nel secondo tempo la musica cambia ed è tutto un altro Napoli. Gli Azzurri accarezzano il pareggio con Insigne, che vede Pegolo fuori dai pali e tenta la conclusione: l’estremo difensore si salva in qualche modo. Il Napoli però sbanda poco dopo e permette a Muldur di arrivare a tu per tu con Meret: il suo tiro è di poco fuori. Gol non fatto, gol subito. A segnarlo per il Napoli è Allan con una palla nel sette sulla quale Pegolo non può nulla. Il Sassuolo prova a reagire con Obiang, palla sulla traversa per Il centrocampista del Sassuolo. Il Napoli non è da meno perché va vicino al gol prima con Callejon (traversa per lui) e poi con Mertens (palla di poco fuori). A dieci dal termine finalmente Callejon va in gol ma l’arbitro annulla con l’ausilio del Var per un fuorigioco millimetrico. All’ultimo minuto di recupero Obiang nel tentativo di anticipare Elmas fa autogol e regala la vittoria al Napoli, la prima da quando c’è Gattuso sulla panchina.

Lascia un commento

9 + quattordici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.