52 tonnellate di botti di fine anno sequestrati dalla Gdf

Un arresto, otto denunciati dai militari

Oltre 52 tonnellate di botti illegali sono state sequestrate dalla Guardia di Finanza tra Napoli e Caserta. A Teano sono state trovate, in un’ azienda che importa fuochi d’artificio, 30 tonnellate di botti contenenti oltre 4 tonnellate di esplosivo, per un valore di mercato di oltre mezzo milione.

I militari hanno intercettato un camion di un’impresa autorizzata,c he aveva immagazzinato fuochi oltre i limiti previsti dalla licenza. L’amministratore è stato denunciato. A Marcianise la Gdf ha bloccato un carico di oltre 75 mila botti pericolosi, per oltre 7 tonnellate. Il materiale, stava per essere spedito in Germania in scatoloni privi di indicazioni sulla pericolosità.

Nel quartiere Pianura, a Napoli, i finanzieri hanno sequestrato 3 tonnellate di fuochi artificiali, 5 kg di polvere e 20 di zolfo. Il titolare è stato arrestato. A Castello di Cisterna, sequestrati 80 chili di botti illegali in un’abitazione. Denunciati un italiano e due cinesi. Sequestri anche a Nola e Casalnuovo. Quattro denunciati.

Lascia un commento

uno + 2 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.