Inter-Napoli 0-1. Gli Azzurri vincono soffrendo per tutta la gara

Prova di sacrificio dei ragazzi di Gattuso, che fanno loro la semifinale d’andata di Coppa Italia grazie alla rete di Fabian Ruiz al 12′ del secondo tempo

INTER (3-5-2): Padelli; Skriniar (1′ st D’Ambrosio), De Vrij, Bastoni; Moses (29′ st Sanchez), Barella, Brozovic, Sensi (21′ st Eriksen), Biraghi; R.Lukaku, L.Martinez. All: Antonio Conte.

NAPOLI (4-3-3): Ospina; Di Lorenzo, Manolas, Maksimovic, Mario Rui; Elmas, Demme, Fabian Ruiz; Callejon (33′ st Politano), Mertens (28′ st Milik), Zielinski (37′ st Allan). All: Gennaro Gattuso.

MARCATORI: 57′ Fabian Ruiz (N)

ARBITRO: Calvarese di Teramo

Il Napoli batte 1-0 l’Inter al San Siro nell’andata delle semifinali di Coppa Italia, il ritorno si giocherà il 5 marzo al San Paolo. A regalare la vittoria agli Azzurri è stato Fabian Ruiz con un bel tiro a giro al 57′ minuto. Partita di sofferenza per i ragazzi di Gattuso fino al triplice fischio dell’arbitro. Il Napoli ha scelto di giocare di ripartenza, spesso dietro la linea della palla. Ha serrato le fila, tenuto stretti i reparti quanto più possibile. L’Inter si è resa pericolosa in più di un’occasione, ma la buona prova collettiva del Napoli è servita a non prendere gol. Alla prova di sacrificio chiesta da Gattuso ai suoi non ha potuto esimersi nessuno, neanche Mertens che ha dato un grande contributo in fase di copertura. Lo stesso ha fatto l’autore del gol vittoria, che a pochi minuti dalla fine della gara stremato ha chiesto il cambio, non accorgendosi che il tecnico aveva già effettuato tutte le sostituzioni a disposizione. Piccolo aneddoto per far capire quanto sia stata dura la conquista della vittoria in quel di Milano. L’1-0 è un risultato che adesso va difeso nella gara di ritorno tra le mura amiche. E sarà un’altra battaglia, perché il vantaggio del Napoli è esiguo e la qualificazione è ancora aperta. Gli Azzurri dovranno continuare a dare tutto per arrivare in finale e per vincere il trofeo, che oltre al palmares è importante anche per accedere alla prossima edizione dell’Europa League.

Nell’Inter Conte decide di tenere il nuovo acquisto Eriksen in panchina, in avanti c’è la collaudata coppia Lautaro-Lukaku. In panca anche Sanchez, che entrerà come Eriksen solo a gara in corso. Nel Napoli panchina per Koulibaly, non al meglio della condizione, e per Lorenzo Insigne alle prese con un problema al ginocchio. Gara piuttosto soporifera nel primo tempo con il Napoli che cerca di addormentare il gioco e l’Inter che non fa niente per velocizzare la manovra, accusando forse la stanchezza per la sfida di campionato nel derby. I palloni migliori capitano comunque tra i piedi del Napoli, che va vicino al vantaggio nel finale del primo tempo con Zielinski: sarebbe servito ben altro tiro da parte del centrocampista polacco per trovare il gol.

Nel secondo tempo Conte chiede ai suoi di alzare il ritmo, il Napoli continua a giocare con ordine ed è molto prudente. Il tecnico dell’Inter presto viene accontentato, i suoi pressano più alto e assediano gli Azzurri. Al 56′ contropiede dei ragazzi di Gattuso, Fabian Ruiz si libera al limite dell’area e va al tiro a giro sul quale Padelli non può nulla: è 1-0 per il Napoli. Conte a quel punto si gioca la carta Eriksen per Sensi. Gattuso risponde con Milik per Mertens nel tentativo di far salire un po’ la squadra. Proprio il neo entrato Eriksen fa vedere le cose migliori, due conclusioni pericolose e una grande palla per l’altro neo entrato Sanchez (Conte le prova tutte nel finale, ndr). Il Napoli stringe i denti, Ospina nel recupero salva su D’Ambrosio ed evita il pari. A San Siro finisce con il successo del Napoli, grande vittoria degli Azzurri.

FOTO: tratta da tuttosport.com

Lascia un commento

due × uno =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.