Stop fujenti, blindata Madonna dell’Arco

Per la prima volta da sei secoli niente pellegrinaggio

Sant’Anastasia (Napoli), 13 aprile – Ha atteso da solo, attorniato da forze dell’ordine e volontari della protezione civile, che le porte del santuario della Madonna dell’Arco a Sant’Anastasia si aprissero alle tre in punto, col suono delle campane a festa, per arrivare all’immagine sacra della Vergine e deporre ai suoi piedi un cero, la fascia dei ‘fujenti’ ed un mazzo di fiori.

È cominciato così il 569esimo pellegrinaggio alla Madonna dell’Arco, il primo in assenza di fedeli, ma in diretta Facebook, con il priore del santuario, padre Alessio Romano, che ha sostituito da solo le centinaia di migliaia di fedeli, i cosiddetti ‘fujenti’ che ogni anno arrivano scalzi davanti all’immagine sacra. Una fede, quella dei fujenti, che ha spinto il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, a blindare per tre giorni l’intera frazione del paese dove sorge il luogo sacro, per evitare un pellegrinaggio nonostante i divieti da Covid19. Nessun fedele è giunto al santuario o ha tentato di oltrepassare i blocchi.

Lascia un commento

tredici + 7 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.