Napoli-Lazio 3-1. Al San Paolo la formazione di Gattuso a segno con Fabian, Insigne e Politano

Gol dei Biancocelesti di Ciro Immobile, che eguaglia con 36 reti il record di Higuain di gol segnati in Serie A in una singola stagione. Nel finale paura per Insigne, uscito dolorante dal campo

NAPOLI (4-3-3): Ospina; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Mario Rui (33′ st Ghoulam); Fabian Ruiz, Lobotka (34′ st Demme), Zielinski (40′ st Politano), Callejon (33′ st Lozano); Mertens, Insigne. Allenatore: Gattuso.

LAZIO (3-5-2): Strakosha; Patric (18′ st Vavro), Luiz Felipe, Acerbi (18′ st Bastos); Lazzari, Milinkovic Savic, Parolo (42′ st A. Anderson), Luis Alberto, Marusic; Correa (42′ st Adekanye), Immobile. Allenatore: Inzaghi.

MARCATORI: 9′ pt Fabian Ruiz (N), 22′ pt Immobile (L), 9′ st Insigne (N, su rig.), 47′ st Politano (N)

ARBITRO: Calvarese di Teramo

Al San Paolo il Napoli batte 3-1 la Lazio nell’ultima gara del campionato 2019/2020 grazie ai gol di Fabian Ruiz, Lorenzo Insigne (su rigore) e Matteo Politano. Il gol del momentaneo pareggio della Lazio porta la firma di Ciro Immobile, che ha chiuso la stagione con 36 gol, eguagliando Higuain per gol segnati in un singolo torneo: il calciatore Biancoceleste ha messo a segno l’ultima rete della stagione proprio al San Paolo, dove il Pipita con la maglia del Napoli realizzò la rete del record 4 anni fa nella sfida con il Frosinone. Gli Azzurri, nonostante la vittoria, hanno chiuso la stagione piazzandosi al settimo posto che non permette di disputare la prossima edizione della Champions League: la formazione di Gattuso parteciperà all’Europa League grazie alla vittoria della Coppa Italia. In Champions andrà invece la Lazio, che ha chiuso il campionato al quarto posto: la qualificazione in Champions mancava ai Biancocelesti da ben 13 anni. Per il Napoli, vittoria della Coppa Italia a parte, è stata quindi una stagione da dimenticare. Gli Azzurri, che erano dati da molti come favoriti per lo scudetto, pagano la prima parte della stagione a guida Carlo Ancelotti. Dall’arrivo di Gattuso infatti è stata tutta un’altra musica e il Napoli ha avuto un passo da scudetto.

Nonostante sia l’ultima di campionato mister Gattuso sceglie di mandare in campo la formazione titolare, anche per fare le prove per l’importante gara di Champions con il Barcellona dell’8 agosto. Senza Radu, Leiva, Lulic e Caicedo nella Lazio Simone Inzaghi scioglie l’unico vero ballottaggio della vigilia mandando in campo Marusic al posto di Jony. Buon avvio della Lazio che al 9′ tuttavia subisce il gol del Napoli con Fabian Ruiz, tiro al limite dell’area direttamente nel sette da parte del centrocampista spagnolo. Poco dopo gli Azzurri vanno vicino al raddoppio: assist dello stesso Fabian per Lorenzo Insigne, tiro a incrociare dell’attaccante fuori di un nulla. A segnare è la Lazio al 22′ con Immobile, che dopo aver ricevuto palla da Marusic è bravo a superare sulla corsa Manolas e a spedire palla in rete. Scarpa d’Oro per l’attaccante Biancoceleste, eguagliato il record di Higuain di 36 gol in un singolo torneo.

Nel secondo tempo l’atteggiamento del Napoli è più spregiudicato. Al 54′ Mertens viene atterrato in area da Parolo, quasi in contemporanea al tiro in porta del belga. Per l’arbitro Calvarese è rigore, dal dischetto va Insigne e fa il gol del 2-1. La Lazio reagisce e va vicino al pari con Correa, palo esterno per l’argentino. Il Napoli va vicino al tris con Callejon, forse all’ultima gara in Serie A con la maglia del Napoli. La Lazio ci prova con Marusic, conclusione di testa fuori di pochissimo. Nel finale di gara si fa male Insigne, costretto a lasciare il campo in lacrime e a rischio per quanto riguarda la gara con il Barcellona. Il gol del 3-1 del Napoli arriva al 92′ con Politano, libero di andare al tiro a due passi dalla porta dopo aver ricevuto da Mertens.

Lascia un commento

1 × cinque =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.