Inchiesta Covid, De Luca: “Speculazione politica e aggressione mediatica”

Il governatore, dopo giorni di silenzio, ha commentato l’inchiesta della Procura di Napoli sulla realizzazione degli ospedali modulari per il Covid, che vede tra gli indagati alcuni suoi fedelissimi

“Ci sono stati un tentativo di speculazione politica e un’aggressione mediatica sulla nostra sanità, ma, per la verità, mi pare che abbia lasciato il tempo che trova. Il fatto che la Campania abbia dato prova di efficienza, di concretezza e di coraggio amministrativo è una cosa che non è stata ancora digerita da tutti in Italia”. A dirlo in diretta su Facebook il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, in merito all’inchiesta della Procura di Napoli sulla realizzazione degli ospedali modulari Covid, che vede tra gli indagati alcuni suoi fedelissimi (vai all’articolo).

Sotto la lente degli inquirenti un appalto da 18 milioni di euro indetto a marzo per la costruzione di tre Covid center: uno a Ponticelli (Napoli), uno a Caserta e l’ultimo a Salerno. Le strutture dovevano assicurare alla Campania 72 posti di terapia intensiva in più per fronteggiare l’emergenza. Ma, come ha rivelato Fanpage.it in un’inchiesta giornalistica a cui ha fatto seguito il fascicolo della magistratura, almeno fino a fine luglio due su tre non hanno mai aperto.

Secondo De Luca “c’è il tentativo di equiparare politicamente alcune gravi questioni che hanno riguardato regioni del Nord e la Campania. Lo ha fatto qualche settore settore dell’informazione. È un tentativo scopertamente strumentale per cercare di controbilanciare quelle situazioni del Nord con la Campania. Mi dispiace, il tentativo è fallito. Tranne qualche testata giornalistica del Nord il tentativo ha fatto la fine che deve fare”.

“Chiariamoci definitivamente: la Campania esprime il massimo rispetto per ogni iniziativa di controllo di illegalità e di illegittimità degli atti. Sollecitiamo tutti i controlli possibili e necessari a 360 gradi col massimo rispetto e in una condizione di massima tranquillità. Noi avremmo potuto usare procedure straordinarie in questi mesi, ma – spiega De Luca – non lo abbiamo fatto. Anche quando abbiamo realizzato l’ospedale modulare in tempi rapidissimi, abbiamo fatto una procedura di gara pubblica. Dunque – continua – nessun problema, tranquilli tutti. Vedrete che ci presenteremo sempre non solo come modello di efficienza, ma anche come modello di trasparenza e di correttezza sul piano nazionale. Intanto, non ci distraiamo e, come ho detto ai nostri dirigenti dei settori sanitari, continuiamo a pensare alla tutela della salute dei nostri cittadini, senza elementi di distrazione”.

Lascia un commento

diciotto + tre =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.