Bossi critica Salvini: “Nord barattato per i voti al Sud”. La replica: “Non bisogna fregarsene del Sud”

Il segretario della Lega risponde a Bossi che lo aveva accusato di aver barattato il Nord per i voti del Sud

“Nessuno mi convincerà mai del fatto che bisogna fregarsene di quel che succede in Puglia, Calabria, Napoli o in Sicilia perchè l’Italia vince nel mondo insieme. È chiaro che siamo nati al Nord, ma la sfida che mi affascina è di dare la possibilità del buongoverno e del rilancio anche a città del Sud: vincere in Veneto e in Puglia sono affermazioni non in contrasto fra loro”. A dirlo il segretario della Lega Nord Matteo Salvini, ospite della trasmissione Agorà estate di Rai 3, in risposta alle critiche di Umberto Bossi, fondatore e presidente federale a vita del Carroccio.

Il Senatur aveva infatti affermato al giornale La Nuova Padania che “oggi il Nord viene barattato per i voti al Sud. La questione settentrionale, di nuovo al centro del dibattito leghista, con i venti frondisti che si levano da Lombardia e Veneto, resta il faro. Io dico che occorreva non avere paura di continuare a tenere alta la bandiera della questione settentrionale, anche se poi ti attaccano”.

Parlando di elezioni al Sud e nel Nord Salvini ha anche rivelato di aver “incontrato già diversi candidati sia per Roma, che per Milano, che per Napoli, Bologna e Torino: tutte grandi città che andranno al voto l’anno prossimo, governate dal Pd o dal M5s, che hanno una gran voglia di cambiamento. Prima però – ha aggiunto Salvini – ci sono le elezioni regionali di settembre e io sono abituato a fare un passo per volta”.

Lascia un commento

cinque × uno =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.