Napoli-Az Alkmaar 0-1. Sconfitta a sorpresa per gli Azzurri in Europa League

Il Napoli stecca la prima gara della fase a gironi (Gruppo F) di Europa League

NAPOLI (4-2-3-1): Meret; Di Lorenzo, Maksimovic, Koulibaly, Hysaj (59′ Mario Rui); Fabian, Lobotka (66′ Petagna); Politano (83′ Bakayoko), Mertens, Lozano (59′ Insigne); Osimhen (66′ Demme). All. Gennaro Gattuso

AZ ALKMAAR (4-3-3): Bizot; Svensson, Hatzidiakos, Martins Indi, Wijndal; Midtsjo (88′ Leeuwin), Stengs, Koopmeiners; Sugawara, De Wit, Karlsson (88′ Gudmundsson). All. Arne Slot

MARCATORI: 57′ De Wit (A)

ARBITRO: Daniel Stefanski (Polonia)

Al San Paolo nella prima gara della fase a gironi di Europa League l’Az Alkmaar, formazione olandese che milita in Eredivisie, batte 1-0 il Napoli con un gol di De Wit segnato nella ripresa. Gli Azzurri dominano il gioco nel primo tempo ma non riescono a superare la folta barriera difensiva della formazione di Arne Slot. Ne risulta un possesso palla sterile, anche perché l’Az Alkmaar lascia davvero pochi spazi e costringe il Napoli a un continuo giro palla alla ricerca del varco giusto. Nella ripresa lo spartito della gara non cambia ma a sorpresa la formazione olandese passa in vantaggio con De Wit, bravo a sfruttare un grave errore di marcatura di Koulibaly. Il Napoli tenta fino alla fine di rimontare ma il gol non arriva, nonostante vi sia anche l’ingresso in campo dell’ex Atalanta Petagna. Tuttavia il ritmo degli Azzurri nel finale è troppo basso per pensare di impensierire l’Az Alkmaar. Matura così una sconfitta che arriva sicuramente a sorpresa e contro ogni previsione della vigilia, una sconfitta che rende per il Napoli la qualificazione già in salita.

Gattuso come previsto manda in campo quasi tutti i titolari, limitando il turnover a soli tre cambi: dentro Meret, Maksimovic e Lobotka per far rifiatare Ospina, Manolas e Bakayoko. Il modulo rimane invece lo stesso, il 4-2-3-1 che il Napoli utilizza da inizio campionato. La partita si svolge quasi tutta nella metà campo dell’Az Alkmaar già da inizio primo tempo ma il primo tiro degli Azzurri arriva solo al 22′ con Politano, conclusione deviata e facile la parata per Bizot. Poco dopo ci prova Osimhen a impensierire l’estremo difensore olandese, che però è molto attento e non si fa sorprendere. Al 35′ l’occasione migliore capita a Mertens, tiro dal limite dell’area del belga e palla che accarezza il palo prima di spegnersi sul fondo.

Nel secondo tempo il Napoli continua a fare la gara. Il primo a rendersi pericoloso è Koulibaly con un bel colpo di testa, la palla termina di poco a lato. Al 57′ l’Az passa a sorpresa in vantaggio con De Wit, bravo a raccogliere l’assist di Svensson a pochi metri dalla porta e andare al tiro, grazie anche a una marcatura sbagliata di Koulibaly. Dopo aver subito il gol Gattuso decide di far entrare in rapida successione Insigne, Mario Rui, Demme e Petagna. E proprio l’attaccante ex Atalanta, entrato al posto di Osimhen, sfiora il pari di testa. Nell’ultima mezz’ora il Napoli ci prova ma i ritmi della formazione di Gattuso sono troppo bassi per pensare di sorprendere l’Az Alkmaar. L’esordio in Europa League del Napoli inizia nel peggiore dei modi e la qualificazione è già in salita.

Lascia un commento

17 + cinque =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.