Napoli-Sassuolo 0-2. Prima sconfitta in campionato per gli Azzurri

Al San Paolo il primo scivolone stagionale della formazione di Gattuso, battuta dal Sassuolo di De Zerbi grazie ai gol di Locatelli (su rigore, ndr) e Maxime Lopez

NAPOLI (4-2-3-1): Ospina; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Hysaj (25′ st Mario Rui); Fabian Ruiz, Bakayoko; Politano, Mertens (25′ st Elmas), Lozano (20′ st Petagna); Osimhen. All. Gattuso.

SASSUOLO (4-2-3-1): Consigli; Ayhan, Chiriches (43′ st Marlon), Ferrari, Rogerio; Locatelli, Lopez; Muldur (36′ st Kyriakopoulos), Traoré (23′ st Defrel), Boga (36′ st Obiang); Raspadori (43′ st Bourabia). All. De Zerbi.

MARCATORI: 14′ st rig. Locatelli, 50′ st Lopez

ARBITRO: Mariani di Aprilia

Al San Paolo il Sassuolo batte 2-0 il Napoli in gara valida per la sesta giornata di campionato. La formazione di De Zerbi trova il primo gol al 59′ con Locatelli su rigore, concesso dall’arbitro con l’ausilio del Var per un fallo di Di Lorenzo su Raspadori, per poi raddoppiare nei minuti di recupero con Maxime Lopez, lasciato colpevolmente libero di andare al tiro da Manolas e compagni. Bravo il Sassuolo nonostante le assenze a tenere testa al Napoli, che però è sembrato piuttosto sottotono. Gli Azzurri non hanno brillato né per condizione atletica né per intelligenza tattica. Diverse le occasioni concesse dai Neroverdi ma l’attacco della formazione di Gattuso questa volta è stato troppo impreciso per riuscire a superare uno straordinario Andrea Consigli. Così la formazione di De Zerbi è riuscita a conquistare i tre punti e salire al secondo posto, a sole due lunghezze dal Milan. Il Napoli invece resta fermo a quota 11 punti, rimediando la prima sconfitta sul campo in campionato (la seconda se si considera quella persa a tavolino con la Juve, ndr).

Gli Azzurri scendono in campo con il modulo 4-2-3-1 e con alcuni titolari che hanno riposato in Europa League nella gara con la Real Sociedad. La prima occasione gol della formazione di Gattuso è al terzo minuto di gioco con Mertens, che prova a sfruttare un errore in disimpegno dell’ex della gara Chiriches: la conclusione dell’attaccante belga termina leggermente a lato. All’11’ altra occasione per il Napoli, questa volta con Osimhen al quale viene regalata palla da Consigli: il portiere del Sassuolo dopo l’errore è bravo a sbarrare la conclusione all’attaccante ex Lille. Al 33′ ci prova Fabian Ruiz da ottima posizione, ancora una volta Consigli salva i suoi. Al 43′ il Sassuolo va vicino al gol con Boga, palla indirizzata sotto la traversa e deviata in corner da un intervento prodigioso di Ospina.

Nel secondo tempo la partita resta viva. Al 51′ il Napoli va vicino al gol con Mertens su punizione, ancora una volta straordinario Consigli. Al 56′ l’episodio che cambia la gara, con Di Lorenzo in ritardo che colpisce Raspadori: l’arbitro viene richiamato dal Var e concede il penalty, dal dischetto Locatelli non sbaglia. Al 67′ clamorosa palla gol per il Napoli, Mertens a due passi dalla porta manca il bersaglio. Gattuso decide di far entrare i due guariti da Covid19 Elmas e Zielinski (oltre a Mario Rui) ma per il Napoli continua a non essere serata. In pieno recupero il Sassuolo trova anche il raddoppio con Maxime Lopez, lasciato libero di andare al tiro sottoporta da Manolas e compagni. I giocatori del Napoli si erano infatti fermati per protestare nei confronti dell’arbitro, a causa di una vistosa trattenuta in area di rigore di Marlon su Osimhen. Episodio sul quale l’arbitro non ha ritenuto di intervenire, anche perché non richiamato dal Var. Al San Paolo termina 2-0 per il Sassuolo, che ora è secondo in classifica a sole due lunghezze dal Milan.

FOTO: tratta da ansa.it

Lascia un commento

diciotto − sedici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.