Covid vax day, polemica a distanza tra De Luca e de Magistris

Il governatore: “Campania zona rossa per colpa del lungomare di Napoli”. Il sindaco: “Inqualificabile e indegno l’abuso di potere del Presidente De Luca che approfitta del suo ruolo istituzionale per vaccinarsi”

Napoli, 27 dicembre – Nel Vax day, cioè il giorno in cui vengono somministrati i primi vaccini contro il coronavirus Covid19, scoppia la polemica tra il governatore della Campania Vincenzo De Luca e il sindaco di Napoli Luigi de Magistris. All’esterno dell’ospedale Cotugno di Napoli De Luca parlando con i cronisti prima ha polemizzato con il Governo, perché a suo dire “non si possono mettere cento regole e altre cento deroghe, creando solo confusione” e poi è passato al Comune di Napoli: “Siamo diventati zona rossa – è la tesi di De Luca – dopo che in tutta Italia sono rimbalzate le immagini del Lungomare di Napoli affollato e senza alcun controllo. Ogni Ente deve garantire sul proprio territorio il rispetto dei decreti e delle ordinanze”.

Il sindaco Luigi de Magistris ha invece puntato il dito contro De Luca per essersi vaccinato prima di altri. “Trovo davvero inqualificabile e indegno l’abuso di potere del Presidente De Luca che approfitta del suo ruolo istituzionale per vaccinarsi quando il vaccino nelle prime settimane, deve essere destinato esclusivamente, considerate le pochissime quantità disponibili, a medici, infermieri, operatori sanitari ed anziani. La salute del Presidente De Luca viene purtroppo prima del popolo campano. Si dovrebbe vergognare e chiedere scusa”, ha affermato il primo cittadino.

Sulla stessa linea il segretario della Lega Matteo Salvini, che ha affermato: “Per esibizionismo il governatore De Luca ha tolto il vaccino a qualcuno che ne aveva più bisogno di lui. Medici, infermieri, personale sanitario, forze dell’ordine e persone fragili meritano rispetto e serietà, non politici stile Marchese del Grillo”. Per l’europarlamentare Fulvio Martusciello (Forza Italia) invece quello di De Luca “è un atto di arroganza verso i tanti ospiti nelle case di riposo per anziani, verso gli ottantenni che invece erano categoria prioritaria”. “De Luca ha saltato la fila ed è scappato con la fiala del vaccino. Non era destinata a lui ma a un infermiere, a un anziano, ed invece l’ha presa lui. Arroganza al potere”, ha aggiunto l’europarlamentare di FI.

Lascia un commento

5 × 3 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.